Blog

La leishmaniosi nel cane

Avete un Cane di età compresa tra 1 e 11 anni, maschio o femmina, di una razza selezionata oppure un meticcio, a pelo lungo o corto, che viva in casa o all’esterno, in una qualsiasi regione italiana ? Se vi riconoscete in questa descrizione, allora l’argomento Leishmaniosi vi riguarda direttamente. Questa malattia è infatti una delle maggiori fonti di preoccupazione per i Proprietari di cani e anche per noi Medici Veterinari. Tale preoccupazione è ampiamente Pappatacio o Flebotomogiustificata, in quanto si tratta di una malattia molto diffusa, spesso mortale, non sempre facile da diagnosticare, e contro la quale non esistono terapie di immediato e sicuro successo. Inoltre, raramente può colpire anche l’Uomo. Il colpevole della malattia è un organismo invisibile ad occhio nudo: la Leishmania.
La Leishmania per infettare un Cane ha bisogno di un complice: un insetto detto flebotomo o pappatacio, una sorta di moscerino giallastro e peloso, diffuso nelle zone calde e umide.

Possiamo immaginare il flebotomo come l’automobile che porta i ladri sulla scena del furto. Un flebotomo punge un Cane infetto e assume le Leishmanie, le “ospita” per alcuni giorni nel proprio corpo e poi le trasmette ad un altro Cane. Si può quindi affermare che si tratta di un “concorso di colpa”.
Una Leishmania non fa necessariamente ammalare il Cane, anzi, spesso questo non accade. Infatti il vero spartiacque che determina il futuro di Fido non è il contatto tra lui e la Leishmania (cosa che accade di frequente), ma come reagisce il suo sistema immunitario. Alcuni cani hanno un sistema immunitario che sa combattere lo sgradito ospite; altri, purtroppo, no. Sono certo che da Proprietari accorti quale siete (altrimenti non stareste leggendo queste righe) vorreste subito sapere se il vostro beniamino munito di coda è resistente oppure no; purtroppo non vi sono risposte esaurienti, perché i meccanismi per stabilire per quale motivo ci sia questa differenza sono ancora oggetto di studi approfonditi.
Come potete accorgervi se il Vostro amico ha la Leishmania ? Semplicemente, non potete, perché è impossibile stabilirlo dai soli sintomi. Il più facilmente riconoscibile è costituito dalle lesioni cutanee (forfora, perdita di pelo sul muso, crostosità, unghie deformate e troppo lunghe). Altri sintomi sono il dimagrimento e l’appetito capriccioso, la riluttanza al movimento, la zoppia, l’aumento della urinazione, la fuoriuscita di sangue dal naso… Trascriverli tutti non ha molto senso, perché sono così incostanti che spesso un Cane può mostrarne anche solamente uno o due; e si tratta comunque di segni comuni ad altre malattie. E’ per questo motivo che il Veterinario dopo la visita in ambulatorio non può permettersi la presunzione di diagnosticare la Leishmaniosi, ma può solo sospettarla. Ecco che quindi sono indispensabili gli esami del sangue o del midollo; essi purtroppo possono essere impegnativi dal punto di vista economico, perché sono piuttosto complessi: ci devono far sapere se la Leishmania è presente nel Vostro Cane; ma questo non basta, perché nelle zone endemiche (quali l’Italia !), moltissimi cani entrano in contatto con la Leishmania senza per questo sviluppare la malattia (ricordate ? Il vero spartiacque è dato non dalla Leishmania, ma dal sistema immunitario del Cane). Quindi servono altri test per sapere se la Leishmania è per così dire “attiva”. Non finisce qui: sapere se un Cane è malato non serve a granché finché non sappiamo “quanto” è malato e cosa possiamo fare per lui. Ecco quindi che per completare il quadro occorre anche un esame del sangue e delle urine che ci dica “come sta” il Cane, se i suoi reni e il suo fegato stanno funzionando oppure no, e così via (l’insufficienza renale è la prima causa di morte nei cani con Leishmaniosi). Solo a questo punto possiamo sapere realmente cosa sta succedendo nel nostro quattrozampe e intraprendere la migliore strategia terapeutica.
La prima domanda che si pone un Proprietario di Cane leishmaniotico è: “Il mio Cane può guarire ?”. Dipende che valore diamo alla parola “guarire”: purtroppo ancora non esiste un farmaco “perfetto” per questa malattia. Eradicare l’infezione è impossibile, quindi l’obiettivo della terapia è quello di tenere la malattia sotto controllo, consentendo al Cane di condurre un’esistenza dignitosa. Bisogna tener presente che i farmaci usati non sono scevri di effetti collaterali, e che quindi bisogna sempre monitorare l’andamento della terapia, tramite prelievi di sangue in tempi ben determinati.
Ho già scritto che la Leishmaniosi colpisce anche l’Uomo. Per quanto riguarda l’Italia, non bisogna sottovalutare questo aspetto, ma nemmeno farsi cogliere da eccessivo allarmismo. Innanzitutto è bene ricordare che la leishmaniosi è grave nel Cane, ma non nell’uomo (almeno in Italia). Non è una malattia frequente, ed essere proprietari di un Cane leishmaniotico non fa aumentare le probabilità di contrarre l’infezione. L’Uomo che entra in contatto con la Leishmania di solito non manifesta alcun problema grazie ad una normale risposta immunitaria, e nei rari casi in cui si verifichino problemi (sintomi di solito esclusivamente cutanei), le terapie sono molto efficaci. Costituisce invece un problema più serio in persone HIV positive.

Veniamo alle buone notizie. C’è un’arma efficace che possiamo utilizzare: la prevenzione. Ancora non esistono vaccini, però in commercio sono disponibili dei collari specifici in grado di tenere lontano dal Cane l’insetto che veicola la Leishmania (Scalibor, della Intervet). Questo semplice presidio garantisce una buona protezione dalla malattia, e in cani che ne sono già affetti ha lo scopo di evitare che il nostro sfortunato quattrozampe possa contagiare altri cani nelle vicinanze. Un segno di civiltà cui, da amanti degli animali, non possiamo sottrarci.
Se desiderate conoscere di più su questa malattia, non esitate a rivolgervi presso i medici della Clinica Veterinaria, o visitate il sito dedicato alla Leishmania.

dottor Massimo Sciannimanico

! Sono vietati in alcun modo la copia, la riproduzione e l’uso di questo documento al di fuori del contesto di questo sito !

178 Risposte

  1. annachiara mastellone

    il mio cane da circa 3 settimane presenta dolori agli arti posteriori.si alza cn difficoltà, piangendo.presenta forti dolori all’ altezza delle anche, piange anke se solo sfiorato lì.nn presenta alcuna dei sintomi cm perdita di pelo, croste cutanee o forfora, ma gli è stata diagnosticata la lesmaniosi, e dalle analisi del sangue è stato riscontrato che i valori sono eccessivamente alti.ci sono possibilità di cura???oppure un’ eventuale cura porterebbe solo alla sua morte??

  2. filomena

    sono una ragazza a cui è morto un cane di leismaniosi.C’era una cura per non farlo moirire.Sto male,dopo 11anni mi ha lasciato sabato

  3. Matteo Del Sorbo

    Ho un cane di nome Asia è un segugio che trovai abbandonato 3 anni fà sull’autostrada,gli è stata riscontrata la leishmaniosi con valori abbastanza alti,il mio veterinario le ha prescritto una cura di almeno 50 giorni che dovrebbe apparentemente guarire il cane,che però rimane sempre positivo.Dopo questa cura bisogna controllare i valori del sangue almeno una volta l’anno.E’ corretto ciò che mi ha detto il veterinario?
    Grazie

  4. aurelia lecce

    ciao vorrei sapere se il collare (scalibor) deve essere indossato per tutto l’anno o solo da aprile a settembre per poter essere efficace contro la leishmanios. grazie

  5. Lucius

    per aurelia: o scalibor si dovrebbe mettere da quando iniziano a uscire i flebotomi,diciamo indotnro a Aprile,e toglierlo quando vanno via,intorno a Ottobre,mi pare. Comunque il mio cane,pitt bull di 4 anni,l’anno scorso aveva i valori della leishmania altissimi e quelli del sangue sballatissimi. abbiamo curato con Milteforan e Zyloric. Oggi sono arrivati i nuovi risultati: Leishmania negativa, valori nel sangue perfettissimi. :) E lui sta benissimo! Non buttatevi giù,è difficile,ma ce la si può fare. ^_^ Noi contentissimi,ci “incrociamo” x i vostri pelosi! in bocca al lupo.
    Lux.

  6. aurelia

    grazie Lux ma vorrei tanto sapere come ti sei accorto che il tuo cane aveva la leishmaniosi quali sono i primissimi sintomi.
    Il mio tremendo sax ha 1 anno ha un’energia
    inesauribile è un bracco su setter ma da qualche giorno si notano un pò troppo le costole è un pò smagrito anche se mangia normalmente.
    forse sono solo troppo apprensiva!!!!!!

  7. Antonella

    Ma quando affermate che gli esami del sangue sono costosi, non siete a conoscenza che lo Zooprofilassi di Pescara, li fa gratuitamente?

  8. angela

    ciao…oggi per mettermi al sicuro e per prevenzione ho fatto fare al mio cane le analisi del sangue per vedere se poteva essere infetto. bhè è risultato positivo….che significa??il mio cane è malato??non ha nessun sintomo a parte le unghia lunghe…ma vive in casa pensavo fosse per questo…per favore fatemi saxe qlcs…

  9. Laura Agostino

    vorrei sapere per quali valori di titolo anticorporale il cane può essere definito malato di Lesmania e per quali invece ha sviluppato solo gli anticorpi senza contrarre la malattia.

    Grazie

    Laura

  10. paolo

    il mio faraone a la leshmania valore 1:60
    non so se e alta o bassa,lunedi comincio la terapia con milteforan speriamo bene.
    il veterinaio gli a fatto una iniezione di ivomec
    gia non si gratta piu’-

    1. Buona sera Rosa. In effetti è un titolo alto e l’interessamento renale rappresenta un’aggravante severa…Ma la sopravvivenza dei pazienti come il suo dipende da moltissimi fattori ed il mio consiglio è quello di rivolgersi presso cliniche veterinarie attrezzate e nelle quali lavorino medici veterinari esperti. La saluto cordialmente


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana
      Pronto Soccorso 24H24
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo
      Viale D’Annunzio, 241/2
      tel. 085-693490
      65124 Pescara (Italy)
      http://www.clinicaveterinariadannunziana.com/

      Struttura affiliata al GruppoCVIT
      – OSPEDALITA’ VETERINARIA PRIVATA –
      http://www.gruppocvit.it

      IF YOU LIKE, VISIT OUR WEB-SITE

      Note di riservatezza:
      Il testo e gli eventuali documenti trasmessi contengono informazioni riservate al destinatario indicato. La seguente e-mail è confidenziale e la sua riservatezza è tutelata legalmente dal Decreto Legislativo 196 del 30.06.2003 (codice di tutela della privacy). La lettura, copia o altro uso non autorizzato o qualsiasi altra azione derivante dalla conoscenza di queste informazioni sono rigorosamente vietate. Qualora abbiate ricevuto questo documento per errore siete cortesemente pregati di darne immediate comunicazione al mittente e di provvedere, immediatamente alla sua distruzione

  11. grazie per avermi risposto, la veterinaria mi ha prescritto solo allopurinolo per la leishmaniosi del mio cane cosa devo fare?perchè dice che la malattia cammina lentamente, lui ha 11anni,i sintomi sono:forfora,anemia,zoppia,perdita di pelo, potrebbe morire?quale farmaco è più efficace?se il cane è destinato a morire quanti mesi potrebbero passare?

  12. adriana

    tanti anni fa, il mio cane si ammalò di leishmaniosi. Qui in Sardegna ancora non si conosceva questa malattia e dovemmo somministrare un ciclo di glucantin che arrivò da Roma, e.. il cane guarì definitivamente. visse fino a 15 anni e come ricordo gli restò una cicatrice nel naso.
    ora il problema si è riproposto con un cucciolo di otto mesi, che abbiamo portato dal vet. per una ghiandoletta infiammata. speriamo bene Adriana …

  13. massimo

    da circa un anno fà il mio rotweiler di otto anni,percepiva dei forti dolori sotto la pancia e non riusciva ad appogiare a terra la zampa posteriore sinistra. un veterinaio mi disse che era un problema discale,dopo tutti i vari esami tac,radiografia ,e egografia. Il mio cane continuava a stare male,solo dopo una mia dura richiesta,di analizare il sangue per una possibie infezzione di puntura della zanzara,i risultati mi davano ragione il mio cane è infetto da leshmaniosa,dopo una cura, ho rifatto gli esami (emocromi) sono negativi, adesso mi ha dato una compressa di Allopurinolo Teva da 100, per tre mesi in attesa di miglioramento.l’unico sintomo del mio cane adesso è, quello che non si regge in piedi,particolarmente la parte posteriore,però è di grande appetito. la ringrazio sentitamente per una risposta

  14. michele

    salve sono due giorni il mio meticcio di 15 anni gli sanguina il naso ogni tanto, essendo oggi domenica domani mattina adrò dal veterinario volevo sapere s’è possibile oltre alla leishmainiosa,il sanguinamento dal naso potrebbe essere causato da altre cause?grazie

    1. Gentile signor Michele,
      oltre alla Leishmania, molte possono essere le cause in grado di far sanguinare un cane; ad esempio, ancor cause infettive (rickettsiosi, ehrlichiosi) trasmesse dalle zecche, cause tossiche (avvelenamenti da dicumarolo, o veleno topicida), patologie della coagulazione (ad esempio, la malattia di Von Villebrand), la presenza di corpi estranei (come le spighe di arista), cause neoplastiche ed altre ancora.
      Domani si rivolga al suo medico veterinario e, sperando sia uno di quelli bravi e preparati, vedrà che individuerà la causa del sanguinamento e le fornirà il giusto rimedio.
      Cordiali saluti

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  15. Luisa

    Salve, ho una cagnolina meticcio yorkshire di 4 anni, 2 mesi fa ha avuto 2 cuccioli, si è sempre caratterizzata, anche non in gravidanza, per il suo grande appettito, però da circa 3 giorni non mangia quasi nulla e nello stesso tempo è poco reattiva, cosa potrebbe avere? grazie

    1. Gentile signora Luisa,
      sebbene la Medicina Veterinaria abbia fatto passi da gigante negli ultimi dieci anni ed oggi sia possibile incontrare dei professionisti davvero bravi e competenti, mi sembrerebbe davvero fare della stregoneria se provassi ad elencare tutte le possibili cause responsabili del malessere della sua cagnolina. Credo più corretto, visto che del paziente non ho alcuna idea, consigliarle di portarla a visita nella migliore clinica veterinaria della sua città, per una visita approfondita e per una diagnosi accurata e professionale, che non lasci nulla al caso.
      Saluti cordiali

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  16. carla

    Ciao ..20 giorni fa ho tovato unsetter bellissimo con un forte ascesso e magrissimo. abbiamo fatto il 1° test per la lesmania neg ..per cui ci siamo concentrati sull’ascesso con l’antibiotico ..poi una vis di controllo ed abbiamo rifatto il test (quello instantaneo)..pos alla lesmania –l’esame del sangue anemia è aumentata e insufficienza renale nn gravissima ..Abbiamo cominciato la cura per la lesmania con Motilium 2 compresse insieme mattina e sera e zinadril una compressa e mezza insieme mattina e sera. Oggi per il primo giorno nn ha voluto mangiare sembra disgustato ..volevo un vs parere..grazie infinite

    1. Gentile signora Carla,
      le dico solo questo: se davvero di Leishmania si tratta, la terapia scelta dal veterinario NON E’ QUELLA CORRETTA !!!
      Si rivolga presso medici veterinari molto competenti, che confermino eventualmente la diagnosi e, se del caso, impostino la terapia corretta.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana
      Pronto Soccorso 24H24
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo
      Viale D’Annunzio, 241/2
      tel. 085-693490
      65124 Pescara (Italy)
      http://www.clinicaveterinariadannunziana.com/

      Struttura affiliata al GruppoCVIT
      – OSPEDALITA’ VETERINARIA PRIVATA –
      http://www.gruppocvit.it

  17. Federica

    Il mio bull terrier Alex di 13 anni ha contratto la leishmaniosi e in pochi giorni croste sul muso, renibbloccati, diabete, leucemia e insomma un quadro irreversibile, Alex dimagriva, non camminava piu’, era depresso e non autosufficiente…insieme al mio veterinario abbiamobdeciso di addormentarlo per evitargli inutili sofferenze.
    Oggi il mio cane non c’e’ piu’ e io non riesco a non pensare a quando l’ho visto addormentarsi per sempre tra le mie braccia….
    Non sapro’ mai se ho fatto la cosa giusta
    Maledetta malattia
    Alex ti voglio bene

    1. Gentile signora Federica,
      se le condizioni del povero Alex erano quelle che lei descrive nella mail (croste sul muso, reni bloccati, diabete, leucemia,
      dimagrimento, incapace a deambulare, depresso e non autosufficiente), lei ha fatto la scelta più coraggiosa ed il gesto di massimo amore nei confronti del suo cane ! In alternativa, sarebbe morto ugualmente ma soffrendo molto molto di più…
      Mi dispiace molto per lei e per il suo cane…
      Saluti

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  18. Manuela

    Buongiorno,
    ho avuto l’altro ieri la notizia che il mio Nick è POSITIVO a leishmania (metodo I.F.A.T) con valore 1:160 (valore soglia 1:80).
    Innanzitutto volevo chiedere gentilmente delucidazioni su questi valori, 160 è il doppio come è considerato?? tanto, nella norma, preso in tempo? Non ha sintomi visibili domani mi arriverà il risultato dell’esame delle urine per i reni. La vet. l’ha già controllato, dice niente forfora e milza piccola: è ottimista. é possibile inoltre che la malattia stia già lavorando? da cosa comincia? che danni può già aver fatto che non si possono vedere tramite esami? Il cane nel complesso sta bene, ma può sentire lui uno stato di malessere? Inizieremo la terapia nei prossimi giorni, questa attesa mi da l’idea di perdere tempo. Inoltre, il fatto che abbia contratto la leishmania nonostante le super accortezze (sostituisco il collare scalibor dopo due mesi) vuol dire che ha un sistema immunitario scalercio? Mi spiace riempire di domande ma nonostante le rassicurazioni di vet. e persone che hanno esiti buoni non riesco a darmi pace. Ha solo 3 anni ed è troppo importante per me. Che sfiga!!!
    Grazie in anticipo. Attendo risposta.
    Manuela

    1. Gentile signora Manuela,
      non credo sia il caso di disperarsi, anche perchè un titolo di 1:160 non è poi un granchè di titolo, soprattutto se lei vive in una regione d’Italia dove la Leishmania è particolarmente presente ed endemica (centro-sud).
      Se il suo Nick non ha sintomatologia in atto, non si fa alcuna terapia; invece, lo si monitorizza ogni 4-6 mesi con un IFI per Leishmania e con il controllo della funzionalità renale (BUN, Crea ed urine). Nel caso in cui, invece, dovessero comparire sintomi riferibili a questa malattia (una infinità, da “segni” cutanei, a lesioni periorbitali, a zoppie, ad onicogrifosi ungueale, ecc), allora sarà necessario cominciare con la terapia che, oramai unanimenente, viene eseguita con allopurinolo e glucantime (raramente altro e solo in casi selezionati).
      Per cui tranquilla, vada avanti serena e faccia eseguire con regolarità prelievi al suo cane.
      Un caro saluto

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  19. jessica

    utilissimo il vostro articolo, io però ancora non riesco a credere che il mio cane abbia contratto questa malattia, così come diagnosticato dal veterinario. il cane non ha perso l’apetito, non ha avuto perdite di pelo, il campanello dall’arme è stata la sua insolita debolezza. il cane ha solo 6 mesi, possibile che l’abbia già contratta? e poi da quando se è nato in settembre quando i papataci stavano già sparendo. non potrebbero essere i sintomi di qualcos’altro?

    1. Gentile signora Jessica,
      a distanza e senza poter consultare gli esami eseguiti, mi è impossibile esprimermi. Certo è che la sua osservazione sulla tempistica della infezione, in cane così giovane, è molto arguta…Le posso solo consigliare di far visitare il suo amico da medici veterinari competenti e, per far ciò, cerchi di contattare la migliore delle cliniche veterinarie delle sue parti per una nuova visita, che riconsideri il caso e le sappia dare le corrette informazioni.
      La saluto cordialmente

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  20. dory

    uno dei miei cani che vivono in campagna di circa 9 anni, ha contratto la leishmaniosi, il mio veterinario di fiducia si è recato in campagna a visitarlo, confermando la diagnosi. mi fa somministrare solo una cp di ziloric al giorno, ma il mio cane peggiora giorno dopo giorno, con grossi problemi nella respirazione, il viso pieno di croste. mi sento impotente. possibile che non si possa fare nulla per migliorargli la vita? il dott mi ha detto che non c è null altro da fare.

    1. Gentile signora Dory,
      mi piacerebbe sapere come avrebbe fatto il veterinario a “confermare e con semplice visita in campagna” la diagnosi di Leishmaniosi…
      Il fatto è che di veterinari “poco informati” ce ne sono moltissimi…purtroppo…
      Senza un esame del sangue e delle urine è praticamente folle impostare una terapia per la Leishmania…sempre che di Leishmania si tratti ovviamente ! E la sola somministrazione dello Ziloric “non rappresenta affatto la terapia per questa malattia” !!!
      Dunque, cambi immediatamente veterinario e si affidi alla migliore delle cliniche delle sue parti, per un approfondimento serio e non da incompetenti della patologia che sta interessando il suo povero amico.
      Vedrà che la differenza fra uno che approssimativamente fa il veterinario e professionisti seri del settore è abissale !
      Saluti cordiali

      Massimo Sciannimanico
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  21. ireneathos

    Sono preoccupatissima…Athos, pastore tedesco quasi 5 anni,nasce con displasia dell’anca all’ultmo stadio, decidiamo di operarlo e cerchiamo il migliore d’Italia.
    La prima protesi va ok la seconda viene sostituita per ben 4 volte senza riuscire a capire che cosa stesse succedendo e procurando ad Athos immenso dolore,poi optiamo per la resezione dell’anca che su una zampa già così torturata potete capire quanto tempo ci sia voluto per rimettersi, rimettersi per modo di dire perchè immediatamente dopo gli viene diagnosticata la leishmania
    ma Athos ed io continuiamo a combattere con un ciclo all’anno di glucantime +allupurinolo+cibacen+cortisone.A ottobre di quest’anno peggiora, facciamo il ciclo di 28 giorni soliti ma non migliora, ossia migliora solo per poco tempo e ancora ciclo di 28 giorni interotto a causa di unaforte infiammazione della vescica, ripreso il ciclo e terminato ieri Athos non si rimette continua a zoppicare, se non prende cortisone non mangia,cosa posso fare????Devo continuare a dargli il cortisone o è quello che provoca infiammazione alla vescica, ieri di nuovo pipi con sangue…cosa ne pensate?E’arrivato alla fase finale della leismania?Devo cambiare terapie???grazie e scusate lo sfogo
    saluti irene

    1. Gentile signora Irene,
      mi dispiace di ascoltare i guai che lei ed Athos abbiate passato e state ora passando…
      Mi farebbe piacere sapere chi è il collega al quale vi siete rivolti (molti si fregiano del titolo di “miglior ortopedico d’Italia” e conoscendoli praticamente tutti, potrebbe essere utile per me sapere), per avere un’idea completa del caso.
      Per quanto riguarda il problema Leishmania, è impossibile dare un giudizio data la non conoscenza degli esami del sangue eseguiti recentemente. Solitamente, allopurinolo e glucantime rappresentano la terapia d’elezione per questa orribile malattia ed il cortisone si tende ad usarlo in alcune circostanze particolari e seleizionate. Di sicuro il cortisone peggiora la sua situazione vescicale, ma senza gli esami del sangue mi risulta impossibile esprimere un parere.
      Mi faccia avere la documentazione sulla mia mail privata e proverò a rispondere per quanto possibile velocemente. Mi faccia anche cortesemente sapere quale clinica sta curando Athos per la leishmaniosi in questi giorni.
      Cordiali saluti

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  22. Anna

    Buongiorno dott.sa,
    vorrei esporle il mio problema: ho una barboncina di 11 mesi del peso di 4,5 kg, il mese scorso ha fatto il prelievo, i risultati evidenziano la sua positivita’ alla leismania con valori 1.80.(Mi hanno comunicato che valori superiori all’1,79 rivelano appunto la positività a questa patologia.)
    La cagnolina per adesso nn ha sintomi riconducibili alla leismaniosi, è sempre stata bene (è molto vivace e giocherellona) apparte una quindicina di giorni fa quando ha avuto per qualche ora un episodio di apatia totale in cui mostrava evidente dolorabilità in seguito ai movimenti e per questo la cucciola non accennava il piu’ piccolo movimento. Dopo qualche ora la cagnolina è stata bene dopo aver assunto una pastiglia di deltacortene consigliatami dal suo veterinario. Non so se questo episodio è riconducibile alla leismaniosi o se è stato un evento non collegabile, lo faccio presente per completezza. (Dopo questo episodio ho fatto fare alla piccola una lastra che non evidenzia alcun tipo di probelma).
    Scusandomi per la lunghezza della mia missiva, Le chiedo gentilmente un suo parere sulle cure da intraprendere. Non so se sia il caso di ripetere le analisi del sangue o iniziare una cura per la leismaniosi.Lunedì andrò nuovamente dal veterinario, mi ha detto che c’è la possibilità che la piccola si negativizzi alla patologia vista la sua giovane età. Cosa è meglio fare?Cosa mi devo aspettare? Sono molto preoccupata.
    La ringrazio tantissimo per la sua risposta,
    Anna

    1. Gentile signora Anna,
      le dico che non è corretto in alcun modo dire che “valori superiori all’1,79 rivelano la positività a questa patologia”.
      Il limite di 1:80 è, in moltisse parti d’Italia, considerato un risultato negativo. Dunque, se non vi sono segni di leishmaniosi, direi che può davvero stare tranquilla e limitarsi ad eseguire prevenzione contro questa malattia (collare Scalibor, cambiato dopo tre mesi con uno nuovo. Oppure, Expot spot on, applicato ogni mese). Invece, per sicurezza, potrebbe far ripetere a fine estate ed ogni inizio primavera una elettroforesi ed una IFI per Leishmania, in modo da tenere sotto controllo l’eventuale contagio. Da un mese circa è stato presentato sul mercato mondiale un vaccino che garantisce una protezione dalla malattia all’80%, ma può essere eseguite esclusivamente in pazienti non contagiati dalla Leishmania.
      Le consiglio di rivolgersi presso strutture veterinarie attrezzate e famose, in modo da potersi rivolgere ai migliori professionisti delle sue parti, per una corretta valutazione del caso.
      La saluto cordialmente

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  23. rosario

    Buonasera dr. solo pensare cos’è l’ignoranza di alcuni medici che nonostante anni di attività non sanno una MAZZA su questa maledetta malattia…..
    Per tutte le volte che ho portato il mio JODY allo studio non hanno mai pensato 2 medici vet (forse) di fare le analisi al mio pinscher.peso kg 5,200 la domanda è: positivo 1:160 ifi eletroforesi gamma 40,4 albumina 28,2 beta1 10,6 beta2 7,9 alfa1 1,7 alfa2 11.2 prot.tot. g/dl 9,2 terapia iniziata con il cane in condizione penose glucantime 1,5 + 1,5 sol fisiol. al dì e zyloric 100 mg 1/2 compressa ogni 12 ore, terapia giusta???? GRAZIE

    1. Gentile signor Rosario,
      mi dispiace per la sua cattiva esperienza con la mia categoria ma, come in tante altre professioni, è possibile imbattersi in veterinari ed in medici veterinari…e questo fa la differenza. Gli esami che sono stati fatti sul suo amico Jody non sono sufficienti, visto che l’IFI ha mostrato un valore più alto del normale di 1:160 (molta importanza ce l’ha anche il luogo dove lei vive, ovvero in base al livello di presenza di Leishmania nel suo territorio). Sarebbe stato necessario, soprattutto per la ragione che i veterinari le hanno già impostato una terapia (corretta) con Zyloric ed Glucantime, conoscere con precisione la funzionalità dei reni e dagli esami che lei ha postato, non ve ne è traccia. Questi esami sono, invece, fondamentali per l’impostazione di una corretta terapia e per la scelta dei giusti farmaci.
      Inoltre, se il suo amico al momento fosse in condizioni “penose”, come lei scrive, sarebbe cosa opportuna se le avessero consigliato un ricovero presso una struttura veterinaria di tipo ospedaliero (con ricovero 24 ore su 24), per cercare di ristabilire le sue carenti condizioni di salute attuali. Per riassumere, le dico che la terapia per la leishmaniosi si comincia solo se i pazienti presentano chiara sintomatologia clinica da infezione da Leishmania e solo se la funzionalità renale non è compromessa. In alternativa, diventa fondamentale la scelta dei farmaci corretti ed il sottoporre i pazienti a corretta fluidoterapia endovenosa.
      Si affidi alla migliore delle cliniche della sua città, dove troverà (spero) medici competenti ed all’altezza di trattare una così severa patologia.
      La saluto cordialmente

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  24. Valeria

    Gentile Dottore,
    alla mia Carlotta (Carlino di 2 anni e mezzo) è stata diagnosticata la Leishmaniosi.
    Il tutto è partito con delle irrtazioni cutanee che allo stato inziale sono state scambiate da un medico per intolleranza alimentare, ma a distanza di 15 giorni il cane è iniziato a dimagrire e a presentare altri sintomi.
    Due diversi veterinari hanno a questo punto diagnosticato la malattia già sulla base della sintomatologia (ughie lunghe, linfonodi ingrossati, dimagrimento, croste su arti, coda,pancia e da qualche giorno anche su muso e dorso). uno di questi veterinari ci ha fatto subito iniziare la terapia e fatto un prelievo, proprio qualche giorno fa sono arrivati i risultati che hanno confermato la mallattia, a parere del medico a livello “medio alto”, anche se non conosco i valori perchè mi ha comunicato la notizia per telefono e andrò a ritirare domani le analisi, facendo fare anche un’altra visita.
    le mie domande sono:
    – la cura che ci è stata prescritta è glucantime mezza fiala (2,5ml) al dì e allopurinolo 300mg. Carlotta pesa attualmente 5 kg, va bene come dosaggio?
    – sono già quasi 20 giorni che le somministriamo questi farmaci ma ancora visivamente non noto nessun miglioramento, è normale?
    – il cane inoltre ha un forte prurito..si gratta (soprattutto la sera!) si lecca, si mrdicchia le zampe, ha la pelle molto arrossata e leggermente untuosa. il vet ci ha detto di darle deltacortene per 3 giorni, ma una volta passato l’effetto il problema si ripresenta, come fare? ho letto che il cortisone è controindicato in caso di leishmaniosi, è vero?

    Scusi se ho scritto tanto, ma sono davvero giù e ho bisogno di sentire altri pareri.
    Cordialmente,
    Valeria

    1. Gentile signora Valeria,
      come spesso scrivo su questo forum, la leishmaniosi NON può essere diagnosticata esclusivamente sui sintomi clinici !!! Questo approccio alla malattia denuncia approssimazione e non conoscenza da parte dei veterinari che così si comportano. Per essere certi che di Leishmania davvero si tratti, sarà necessario che lei si rivolga a medici professionisti, i migliori delle sue parti, perchè eseguano degli esami del sangue specifici (Elettroforesi, IFI Leishmania, esame emocromocitometrico, profilo biochimico completo ed esame esteso delle urine), in modo da avere la certezza della diagnosi. Solo allora sarà possibile, affidandosi a medici competenti e non approssimativi, impostare la migliore terapia per la sua Carlotta escludendo, se del caso, altre patologie dermatologiche sottostanti.
      Se andrà a leggere informazioni su sito http://www.leishmania.it, potrà scoprire molte cose a riguardo della diagnosi di questa patologia e del suo trattamento.
      Cordiali saluti

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  25. Giorgia

    Salve, per fortuna che ci sono medici competenti ed appassionati come lei, ho un beagle di 3 anni che amo e cresco come un fuglio, vivo in Sardegna e nonostante collare scalibor, spot on frontline, gli è stata diagnosticata la leishma, ho letto che bisogna far fare anche un esame delle urina ma al mio cane è stato fatto solo un prelievo ematico con valore1:80 , da premettere che nn conosco i range per confrontare, il vet mi ha prescritto una cura da fare per 6 mesi con alloporinolo 300 mg, una compressa ogni 12 ore e Flagyl 250 mg, 2 compresse al giorno per 3 mesi, lei cosa ne pensa???? é giusta questa terapia, il mio cane ha seriamente contratto la leishmia??? Certo ha zoppicato ed è inappetente, ma nn ha nessuna crosta,,,la prego di rispondermi, sono davvero disperata, grazie infinite.

    1. Gentile signora Giorgia,
      1:80 mi sembra davvero una titolazione bassa ed almeno nella regione nella quale lavoro, viene considerata negativa. Una zoppia può, in verità, essere causata dalla presenza di immunocomplessi precipitati in articolazione ma, forse, mi sarei aspettato un titolo più alto.
      Se fosse il mio cane e per avere la certezza che realmente fosse affetto da leishmaniosi, richiederei ed “esclusivamente” a medici veterinari competenti ed attrezzati venisse eseguita una PCR su midollo (costo-condrale, perchè più semplice da eseguire); infatti, tale esame risulta essere a tutt’oggi l’esame di scelta più sensibile per diagnosticare questa malattia.
      In base al risultato poi potremo eventualmente risentirci, per ragionare sul risultato.
      La saluto cordialmente

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara

  26. FRANCESCA

    SALVE DOTTORE..la mia cucciola adorata ci ha lasciato un mesetto fa…qualche giorno fa ho trovato un annuncio di un cane uguale a lei che era stato abbandonato..ho visto la foto e me ne sono innamorata.. il problema è che lui setter di circa 5 anni impaurito e magro dopo il prima emocroma fatto dal vet ha riscontrato un valore bassissimo di Rbc 2.00..da quello che ho capito globuli rossi bassissimi..ora io chiedo è possibile che questa cosa derivi dal fatto che era mal nutrito? io mi devo ancora riprendere dalla morte del mio cane e psicologicamente non ce la faccio a rivivere un altro calvario..il cane apparentemente sta bene..ha appetito..beve molto ma ho notato che si stanca facilmente..e poi nel caso si trattasse di leishmaniosi che faccio? non posso vedere un altro cane che muore dopo un mese…grazie e scusi ma ho bisogno di un po di conforto

    1. Gentile signora Francesca,
      sarei un insensibile se non le facessi notare che si sta procurando potenzialmente altro dolore…un cane adulto con anemia conica potrebbe avere malattie infettive o malattie organiche come l’insufficienza renale (anche da Leishmania)…e lei potrebbe (il condizionale è assolutamente d’obbligo !) dover spendere molto e non solo economicamente, ma anche da un punto di vista affettivo.
      Il mio consiglio è di farsi affidare il cane, per altro spaventato per chissà quali precedenti brutte esperienze e per questo probabilmente impegnativo fa un punto di vista gestionale, solo dopo aver conosciuto una diagnosi presuntiva e, soprattutto, una prognosi veritiera, ovvero con la conoscenza delle reali sue condizioni di salute.
      Visto il suo recente lutto, credo lei abbia diritto ad un po’ di serenità e non di ulteriore sofferenza…Oppure…proprio perchè questo animale è bisognoso di chissà quali cure, lei consapevolmente si prenderà cura di lui, costi quel che costi…
      La decisione, a questo punto, è la sua ed ora lei è in possesso degli elementi per decidere…
      Le auguro il meglio !

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  27. FRANCESCA

    è stato più forte di me non potevo lasciarlo in quella gabbia…domani saranno pronte le altre analisi così capirò cosa ha il cane..ho deciso di tenerlo comunque costi quel costi..non ha fatto nulla di male.. non merita di vivere così..le farò sapere gli sviluppi così potrà darmi qualche consiglio..la ringrazio
    Francesca

  28. Gigi

    ciao io ho un setter inglese nato il 03/04/11 cioè ha 1 anno e 2 mesi…
    oggi sono andato dal veterinario per vedere se aveva la leismaniosi,ha fatto il test ed è risultato positivo.
    é possibile che un cucciolene di un anno e 2 mesi abbia la leismaniosi?????

    1. Gentile signor Gigi perdoni il ritardo della mia risposta, ma sono stato all’estero per lavoro.
      La risposta alla sua domanda è, purtroppo, si…ma importante sarebbe sapere come i veterinari abbiamo fatto diagnosi (quali esami sono stati richiesti), con quale titolo anticorpale il suo cane sia stato definito e quali “eventuali” sintomi il suo cane presenti al momento. Infatti, l’essere positivi alla Leishmania non vuol dire affatto dover manifestare la malattia in tutta la sua completezza !
      Mi faccia sapere.
      Saluti cordiali

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  29. Simona

    salve ho un super adorabile cucciolone di Rottwailer 10 mesi(un paperotto) con leishmania (1:1800 catastrofica), sta facendo terapia con glucantime e zyloric,(50 punture ad oggi)sembra stia meglio ma ha ogni tanto problemi di zoppia ma il veterinario mi ha dato il cortisone e icf 1000 per le crosticine (ne ha poche), si deve salvare e ce la dobbiamo fare, pensa sia la cura giusta?gli organi sono tutti ok!!!o devo modificare qualcosa?grazie mille in anticipo.

    1. Gentile signora Simona,
      il fatto che gli organi siano funzionanti, può voler dir poco…
      Il suo animale ha fatto elettroforesi, urine, studio della proteinuria e del profilo coagulativo?
      Quali sono i risultati di questi esami ?
      Per quanto concerne l’uso del cortisone, questo è giustificato soltanto se è DOCUMENTATA una situazione grave di immunocomplessi che stiano dando problemi di glomerulonefrite e/o poliartrite. È anche consigliata una visita oculistica.
      Se si è affidata ad una clinica veterinaria conosciuta, molto probabilmente tutti i passi che sono stati fatti sono quelli corretti ma, ovviamente, questo non posso saperlo.
      Spero il meglio per lei e per il suo amico…

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  30. maria

    appena il mio cane di 5 anni,un meticcio tipo labrador, ha perso sangue dal naso,l’ho portato dal veterinario,che gli ha fatto le analisi del sangue,ma non quelle delle urine. dopo 1 settimana sto ancora aspettando la risposta per la leishmaniosi(domani dovrei averla).Per telefono mi ha detto che ha solo una leggera anemia e che e’ presto x diagnosticare la malattia.Ha due ferite sulla zampa anteriore e posteriore,nel punto che normalmente si poggia per terra(le ha avute anche l’anno scorso,poi gli sono passate)e le sto curando con il veterabol spray.Occhi rossi(e’ stato abbandonato appena nato e ci ha sempre sofferto).Da una decina di giorni mangia pochissimo e sta buttato per terra di giorno,mentre la sera scodinzola come al solito.Io avevo dato la colpa a questo eccessivo caldo,ma i sintomi mi fanno pensare ad altro.Vorrei portarlo nella vostra clinica,vista la vicinanza(io vivo a Sulmona),ma non so come trasportarlo;tenerlo per 1 ora in macchina sara’ dura.Intando vorrei conoscere
    il suo parere
    Le auguro una buona giornata

    1. Gentile signora Maria,
      una struttura veterinaria seria produrrebbe gli esami che lei sta aspettando da oltre una settimana in 24-48 ore…e questo depone male per i veterinari ai quali si è affidata. Ciò mi fa anche pensare che, magari, non hanno neppure richiesto gli esami corretti da fare (un emocromo, che si ottiene in un minuto; un profilo biochimico completo; una elettroforesi; una IFI per Leishmania; esami delle urine estesi; solo successivamente e se del caso, un profilo coagulativo esteso). Nel caso in cui il suo amico non stesse in grande forma, le consiglio di rivolgersi presso una clinica veterinaria attrezzata, per un controllo aggiornato delle sue condizioni fisiche e, se ancora non stesse in forma e se il suo appetito fosse ancora capriccioso, per un ricovero dell’animale avente il fine di fornirgli fluidi endovena.
      Non esiti a cambiare veterinario, se questo attuale le sembra che stia perdendo tempo…i medici veterinari sono come i medici umani ovvero, se ci sembra che stiano cincischiando e non stiano inquadrando velocemente e correttamente il problema, per evitare che la situazione sfugga di mano, non esiti a rivolgersi ad altri medici più bravi e più veloci !
      Cordiali saluti

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  31. Rosaria

    Salve, ho una cagnolina di 16 anni e sono circa 3 settimana che il mio cane mostra perdita di pelo con crostosità.Però non è nè arrossato ne mostra prurito o fastidio da questa cosa. IL mio veterinario non riesce a capire cosa possa avere; infatti, le abbiamo fatto il raschiamento cutaneo ma è risultato negativo. Allora mi ha detto che potrebbe essere una perdita di pelo dovuta alla senilità del cane. IO vorrei un consiglio e capire se devo pensare anche alla leshmaniosi come alternativa a questi sintomi descritti.
    Grazie del vostro aiuto anticipatamente!
    Incrociamo le dita cmq.

    1. Gentile signora Rosaria,
      ovviamente trattandosi di patologia dermatologica probabilmente importante, il mio consiglio è solo uno: si informi sulla MIGLIORE clinica veterinaria delle sue parti e cerchi il MIGLIOR medico veterinario competente in dermatologia, per risolvere alla base il problema del suo cagnolino.
      Cordiali saluti

      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  32. giovanni

    salve,vivo in Sicilia ed ho un cagnolino volpino meticcio di 15 anni e circa un mese fa mi sono accorto che aveva dei problemi cutanei,una specie di forfora e aggiungendo il fatto che anche se è anziano stava sempre di più coricato ho fatto delle ricerche,ed ho constatato che si poteva trattare di leishmania.Gli ho fatto fare l’esame sierologico che ho appena ritirato. il risultato è: POSITIVO MEDIO CON LIVELLO ANTICORPORALE 83,4 per cento con parametri di POSITIVO BASSO<80,POSITIVO MEDIO 80-150 E POSITIVO ALTO 150-300.Ecco, volevo chiederle se ne vale la pena o meno intraprendere una cura per il mio amichetto a 4 zampe,dato che il veterinario mi ha detto di curarlo con allopurinolo!la ringrazio in anticipo per la risposta!salve

    1. Gentile signor Giovanni, la risposta è assolutamente di SI ! Un cane anziano come il suo, se ancora in buona salute (mangia ? è attivo ? i suoi esami del sangue non sono drammatici ?), DEVE intraprendere il percorso terapeutico, perchè i risultati potrebbero essere molto positivi.
      Solo che la leishmaniosi non si cura solo con lo Ziloric (allopurinolo), ma anche con il Glucantime.
      Le consiglio vivamente di rivolgersi ai migliori medici veterinaria della sua città, perchè se la terapia che viene eseguita è quella corretta, il suo cagnolino potrà ancora stare bene e condividere la sua vita insieme a lei ed alla sua famiglia.
      Auguro a tutti ogni bene !


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  33. Natalìa

    Gentile dottore,
    ieri sono andata dal veterinario perché gli occhietti della mia piccola meticcia Kira erano più arrossati del solito (dai primissimi tempi appena adottata, ha una congiuntivite cronica: il vet ha sempre parlato di allergia, mentre io pensavo al peggio).
    La cosa che mi ha allarmato di più è stato il notare la caduta del pelo nella zona sottostante.
    Il medico le ha fatto subito il test del sangue per capire se fosse il mostro malefico, e dopo un po’ di minuti si è presentata la seconda linea, non fortissima ma visibile. Ha parlato di “BLANDA” LEISHMANIOSI.

    Da ieri punture di glucantime (mezza fiala al giorno per dieci giorni) e 1 compressa di zyloric al giorno a vita (più un farmaco protettore per il fegato e pomata per gli occhietti).
    Il veterinario mi ha parlato anche di uno sciroppo da aggiungere alla pappa in opzione, ma molto più caro. Può essere il milteforan, il nuovo farmaco?
    Post cura dovremo fare le analisi per vedere la reazione della cagnetta ai farmaci.
    Le unghie crescono in fretta e inoltre, negli ultimi giorni ha avuto diarrea. Talvolta ha dei fenomeni di dispnea, che il medico diceva essere ansiosi, ma ora non so se collegarli alla malattia.

    Scusi la lungaggine Dottore, ma sono molto preoccupata.

    La mia piccola ha solo 9 mesi, spero riuscirà a convivere con la malattia con una buona qualità della vita, senza che sia una condanna a morte.
    E’ vispa, giocherellona e ha appetito.

    1. Gentile signora Natalìa,
      non è proprio questo il modo più ortodosso di affrontare questa patologia. Si devono fare esami del sangue più mirati, ovvero una elettroforesi ed una immunofluorescenza per la Leishmania “presso laboratori di veterinaria riconosciuti” per conoscere, oltre all’eventuale positività alla malattia, anche la titolazione della stessa (dire “blanda leishmaniosi” mi fa rabbrividire…). Oltre a questi esami specifici, sarà necessario eseguire anche esami quali l’emocromo, il biochimico e l’esame delle urine (fondamentale è anche conoscere la funzionalità renale del paziente). Dunque, come vede, non si può cominciare una terapia così importante solo sulla base di un test e per giunta eseguito in ambulatorio…non è così che si affronta con metodo la leishmaniosi.
      Le consiglio di rivolgersi alla migliore delle cliniche veterinarie della sua città, dove probabilmente troverà un team medico preparato ed aggiornato, che la consiglierà al meglio per la sua giovanissima amica.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  34. La mia cagnetta di 15 anni circa un mese fà iniziò a sanguinare il naso (monolaterale) facemmo subito le analisi della lhesmania con sintoi poisitivi 1-80 cura con zyroloc e glucantime dopo 22 giorni di cura la fuoriuscita del sangue dal naso allora mi domando questa malattia che fuoriesce il sangue o il veterinario no a capito niente.

    1. Gentile signor Aldo,
      un titolo 1:80 positivo dice molto poco e tutto dipende dal tipo di esami eseguiti. Purtroppo, non posso dirle di più non conoscendo i dettagli degli esami richiesti.
      Mi dispiace…


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  35. aldo

    Forse mi sono espresso male e normale che una cagnetta affetta della lhesmania dico lievemente positivo (dalle analisi) dopo giorni 26 di cura con zyroic e glucantime, fuoriesce ancora sangue dal naso debbo pensare che nn centra niente la malattia con in sanguinamento dal naso. GRAZIE

  36. agnese

    Salve, ho una Dobermann femmina di otto mesi, al quinto mese le abbiamo riscontrato la Rogna , ovviamente curata e dopo due mesi e mezzo i raschiati sono risultati negativi.
    Ora però gli è comparsa una lesione a livello della coscia (per intenderci sulla curvatura dove inizia la sfumatura marrone) cmq è una lesione cutanea è gonfia e la superfice presenta dei foruncoletti ma non è piena… si può trattare di Leishmaniosi?ora la sto curando con del cortisone.

    1. Gentile signora Agnese,
      dopo aver curato la suo giovane amica per rogna e da poco, non mi pare proprio il caso di curare “alla cieca” la nuova lesione con del cortisone…potebbe essere pericoloso e causare una recrudescenza della vecchia malattia.
      Le consiglio di rivolgersi al migliore medico della sua città, cercando una clinica veterinaria attrezzata, dove possano indagare in modo scientifico il problema e le possano proporre la migliore delle scelte e non la più facile, ovvero il cortisone…
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  37. Manuela

    Salve, ho un pastore tedesco di due anni e mezzo. nel giro di una settimana ha perso appetito, peso. se ne sta coricato praticamente tutto il giorno. sono andata dal veterinario, ha fatto le analisi del sangue ed è risultato positivo alla leishmaniosi. purtroppo ha intaccato i reni, ha la cratinina molto elevata (4). ha vomiti e proprio perché sono stati colpiti i reni il veterinario ha sconsigliato le punture ma ha optato per il milteforan. come dicevo ha poco appetito e vomiti frequenti. secondo lei sarà bene portarlo direttamente in una clinica e farlo ricoverare almeno per i primi giorni?in attesa che passino i vomiti e non so fargli fare qualche flebo per dargli un po’ di energie per affrontare la cura al meglio?
    non mi aspettavo questa brutta notizia. aspetto una sua risposta. la ringrazio

    1. Gentile signora Manuela buonasera e perdoni se le rispondo così tardi, ma solo oggi mi sono accorto della sua mail…
      Di sicuro, sebbene concordi con il collega sull’uso del Milteforane in questo specifico caso (reni sofferenti), il mio consiglio è di far ricoverare al più presto (sono certo lo avrà già fatto) il cane presso una clinica veterinaria, perchè diventa FONDAMENTALE supportare il paziente con fluidoterapia endovenosa e monitorarlo con continuità.
      Mi dispiaccio per quanto le è accaduto, ma questa è una temibile malattia. Consideri che va fatta prevenzione, per cercare che gli animali siano punti dai pappataci, con l’uso di collari specifici (Scalibor) e da qualche mese, è disponibile anche un vaccino contro la Leishmania, che va eseguito solo su pazienti mai venuti a contatto con il parassita.
      Sperando che il suo amico migliori presto e scusandomi per il ritardo della mia risposta, la saluto cordialmente


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  38. jessica

    BUONA SERA UN INFORMAZIONE PER IL MIO PITBUL DI 2 ANNI (NON SO ANCORA SE HA LA DERMATITE O HA LA LESHMANIOSI DOVREBBE ARRIVARE TRA UN PAIO DI GIORNI IL RISULTATO!)IL VETERINARIO MI HA DETTO DI DARGLI IL DELTACORTENE 1/2 PASTIGLIA IL MATTINO E 1/2 LA SERA PER IL PRURITO! MA VA BENE QUEL MEDICINALE?!PERCHE’ SO’ CHE E’ CORTISONE E NON SO’ QUANTO PUO’ FAR BENE AL CANE!OK CHE CON QUELLO NON SI GRATTA PERO’ VORREI SAPERE SE NON C’E’ QUALCHE ALTRO PRODOTTO PER NON FARLO GRATTARE CHE MAGARI NON SIA A BASE DI CORTISONE!GRAZIE MILLE

    1. Gentile signora Jessica, come spesso accade con i proprietari di animali che si informano, lei ci ha visto lungo…il cortisone è un farmaco con tantissimi effetti collaterali. Però, in effetti, se il suo cane si sta grattando davvero molto, 2 o 3 giorni di cortisone non sono così drammatici, anche se il sospetto è di Leishmania. Non sono d’accordo sulla somministrazione due volte al giorno, visto che il cortisone (quello che può essere somministrato agli animali si chiama Deltacortene e nessun altro !) deve essere somministrato una sola volta al giorno ed è sufficiente 1 milligrammo per chilo di peso. Dunque, se il suo Pitbull pesasse 30 chili, dovrà somministrare una volta al giorno una compressa da 25 mg, al massimo per tre giorni consecutivi.
      Mi raccomando, le consiglio di rivolgersi a medici bravi e competenti, che le permettano di non perdere tempo nella fase della diagnosi della leishmaniosi, perché di una grave malattia si tratta.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  39. daniela

    Gentile dottore, la mia barboncina di 11 anni da 4 mesi (e dopo 3 settimania dall’aver respirato dei fili d’erba appena tagliata) ogni 20 giorni esatti comincia una serie di starnuti con fuoriuscita di sangue la rinoscopia non ha dato alcun esito e dall’esame del sangue è risultata positiv alla Leishmania anche se con valori bassissimi. le sto somministrando Ziloryc e Miltoforan ma dopo 20 giorni di cura (ne mancano 8 alla fine del ciclo) ha ricominciato con starnuti e sangue. Sarà proprio Leishmania? e se non lo fosse la cura può essere nociva? Per il resto non ha mai perso la vivacità o appetito. grazie

    1. Gentile signora Daniela,
      non conoscendo i valori degli esami eseguiti, non posso esprimermi. Mi faccia sapere qualcosa di più e proverò a darle i miei consigli.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  40. Martina

    Ciao a tutti… scrivo per avere un consulto abbastanza urgente… scrivo da Vasto (CH)… Meno di un mese fa al mio cagnolino di appena un anno e mezzo è stata diagnosticata un’infiammazione muscolare curata con cortisone. C’è da premettere che il cane vive in casa, ma spesso e volentieri lo portiamo a correre in spiaggia. Non credo sia stata una diagnosi giusta poichè pochi giorni fa il cane zoppicava leggermente con la zampa anteriore sinistra. L’altro ieri però, la situazione è cambiata. Il piccolo Tommy non riusciva più a muovere un muscolo. Su consiglio del veterinario lo abbiamo portato urgentemente in una clinica veterinaria per una risonanza magnetica…diagnosi: meningomielite. Ieri sera ci hanno chiamati e, dopo un esame del liquor, ci è stato detto che può trattarsi di leishmania… So che da questa malattia non si guarisce mai totalmente ma vi prego, ditemi che il mio piccolo Tommy non rischia la vita!!

  41. antonella

    Salve,mi chiamo Antonella e vorrei sottoporle il mio caso.
    Brucio,è il mio boxer che a giugno compirà 3 anni. Ad aprile 2012, quindi all’età di 1 anno e 10 mesi, ha iniziato a manifestare una serie di sintomi quali apatia, inappetenza, dimagrimento,sete e minzione frequenti, ma soprattutto vomito. Il nostro ormai ex veterinario si è concentrato per circa 1 mese e mezzo su probabili problemi allo stomaco e cure conseguenti; solo dopo una lunga insistenza da parte nostra abbiamo eseguito una eco che ha mostrato una nefropatia bilaterale. Non le sto a spiegare il resto della nostra esperienza con questo pseudo veterinario perchè forse neanche mi crederebbe tanto è assurda e sgradevole….fatto sta che, un po’ per la nostra ignoranza in materia, un po’ per la meschinità di questo individuo, siamo arrivati quasi a giugno e il piccolo Brucio continua a stare male!!!!
    Cambiato medico ricominciato tutto da capo e i risultati sono:
    – positivo alla leishmania IFATL 1:1280
    – urea-azotemia 226 (riferimento 10-45)
    – creatinina 6,5 (rif.0,5-2)
    – got aspartato aminotransferasi 90 (rif. < 50)
    – gpt alanina aminotransferasi 143 (rif. < 60)
    – proteine totali 9,20 (rif. 4,7-7,8)
    – rapporto A/G 0,16 (rif. 0,5-1,6)
    – albumine 13,8 (43,62,0)
    – alfa1 globuline 2,60 (3,1-5,6)
    – alfa2 globuline 31,6 (5,0-15,9)
    – beta1 globuline 17,7 (4,5-11)
    – beta2 globuline 11,8 (5,2-15)
    – beta totali 29,5 (9,7-26,1)
    – gamma globuline 22,5 (6,0-16,0)
    – globuli bianchi 12.200 (4.000-12.000)
    – globuli rossi 4.900.000 (4.500.000-8.500.000)
    – emoglobina 11,7 (12,0-17,5)
    – ematocrito 31,7 (37,0-54,0)
    altri valori nella norma.
    Iniziamo terapia per i reni con flebo di fisiologica e glucosio o con ringer lattato, integratore Renal e iniziamo anche la terapia per leishmania con mezza compressa di Zyloric e Milteforan per 28 gg; il piccolo migliora e dopo aver ripetuto test leishmania ad ottobre, il titolo scende a 1:320.
    Eseguiamo di nuovo anche esami per il quadro renale e i valori sono comunque alti anche se scesi. L'appetito è ancora capriccioso.
    Intanto il piccolo ha un'infiammazione alle tonsille e per questo iniiziamo ciclo di antibiotico (Baytril)e già dal secondo giorno Brucio rinasce: è attivo, mangia con appetito, riprende peso velocemente!!!!!
    A fine anno però la situazione si complica di nuovo, ricomincia il dimagrimento perchè il cane è di nuovo inappetente, ritorna apatico e stanco e decidiamo di ripetere il test…..risultato:IFATL 1:1280. Ripetiamo terapia con Milteforan.
    Intanto lui assume una posizione strana, con schiena incurvata, sedere stretto e tremolio soprattutto alle zampe posteriori. La visita dal vet non riscontra sofferenza addominale, ma palpato nella zona della vescica il piccolo mostra risentimento e per tanto riprendiamo antibiotico,(Baytril) ma appena terminato ciclo di ca 15 gg (durante i quali Brucio ritorna vitale, mangia e prende peso) ritorna sofferente, inappetente, ecc.
    Ora, quello che non riesco a capire e che vorrei domandarle è: è possibile che l'antibiotico sia l'unica cosa che lo faccia stare davvero bene? In base a questo avrebbe suggerimenti da darmi per eseguire eventuali altre indagini che possano chiarire questo argomento? Le dico, sinceramente, che pur avendo fiducia nell'attuale veterinario che segue il piccolo,abbiamo eseguito esami e visite anche presso altre strutture più o meno rinomate, ma nessuno, fin'ora è riuscito a venire a capo della situazione.
    Mi scuso per essermi dilungata eccessivamente, ma spero di averle fornito tutti i dati necessari per consentirle una risposta chiara ed esaustiva come, ho notato, è nel suo stile!!!La ringrazio in anticipo, Antonella!!!!

    1. Gentile signora Antonella,
      l’approccio del secondo veterinario mi sembra essere stato corretto, ma la considerazione che la leishmaniosi purtroppo è una patologia cronica progressiva, va sempre tenuta a mente. Io ripeterei il ciclo con Zyloric e Milteforane, aggiungendo l’antibiotico. Una degenza di qualche giorno in una clinica attrezzata, che mantenga Brucio in flebo 24 ore su 24, per aiutare i rene nella loro funzionalità, mi sembra davvero importante.
      Non so dove lei viva, ma se me lo farà sapere proverò ad indirizzarla verso la migliore delle cliniche veterinarie della sua zona perchè, come ben ha provato lei sulla sua pelle, l’affidarsi a medici competenti fa la differenza !
      La saluto cordialmente


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  42. Bianca Ferraro

    Buongiorno, carissimo dottore, la mia goldenina di due anni ha fattoieri il test di controllo per la lesmaniosi ed è risultato positivo con valore 1.160. Premetto che il mio cane sta bene non ha alcun sintomo è sempre stata controllata ha fatto e fa prevenzione con collarino xcalibur cambiato ogni due mesi, front line ogni mese dorme in camera con i miei figli è super controllata e il precedente test era stato fatto a maggio 2012, ed era negativo, quindi solo dieci mesi di differenza. Il veterinario dice che questo valore per il laboratorio di analisi è compreso tra 1.40 e 1.160 e necessita solo di controlli periodici, considerando anche che viviamo in Campania. Ho comunque deciso di farle fare il quadro proteico e poi la pcr. Lei cosa mi consiglia? Mi creda sono disperata, ho paura e non riesco a crederci ancora Eva è super protetta non va nei parchi non ha mai avuto problemi , solo l anno scorso ha avuto la cistite dopo il calore. Ma da ieri io non riesco a pensare ad altro e non le dico i miei figli sono disperati.

  43. Daniela

    Ciao, mi chiamo Daniela e scrivo da Siena. Il mio Labrador nero di due anni è risultato positivo al test per la lehismania. Abbiamo fatto gli esami del sangue ed è risultata una titolazione 1:160 la funzionalità renale è nella norma, alcuni valori dei globuli rossi sono alterati, ha 61 Mila piastrine. I globuli bianchi sono nella norma anche se un valore è vicino al limite, non ricordo quale ricordo che il max è 100 e lui ha 71.
    Oggi abbiamo iniziato la terapia: milteforan e allopurinolo.
    Mi dice cosa ne pensa? Il cane apparentemente sta benissimo, non ha segni clinici che ad occhio nudo possano far pensare che stia male. Abbiamo fatto il test come da routine.

  44. Marco

    Buongiorno Dottore,
    Vorrei adottare un cane che ha la leishmaniosi positiva (in appartamento e pianifichiamo di avere un figlio); i volontari mi dicono che la malattia è sotto controllo e specialmente l’elettroforesi è ottima.. Cosa significa avere dei buoni valori di elettroforesi? Parlano anche di una cura omeopatica che si usa inghilterra da due anni e che sembra molto efficace. Un suo parere? Infine, mi potrebbe cnsigliare un veterinario capace ed esperienziato su questa malattia a Milano? Grazie infinite.
    Marco

  45. Daniela

    Caro dottore le riporto gli esami in modo che potrà esprimere la sua opinione e darmi un consiglio.
    WBC10.8 (6.0 -12.0)
    RBC 5.86 (5.50-8.50)
    HGB 15.9 (15-20)
    HCT 42.2 (44-57)
    PLT 61 (200-460)
    MCV 72 (60-77)
    MCH 27.1 (17-23)
    MCHC 37.6 (31 – 36)
    RDW 13.6 (14-17)
    MPV 9.9 (6.7-11.1)
    %LYM 25.5 (0.0 -100)
    %MON 3.4 (0.0-100)
    %GRA 71.1 (0.0- 100)
    #LYM 2.7 ( 1.0-3.6)
    #MON 0.3 (0.0-0.5)
    #GRA 7.8 (3.0-10)
    Albumina 38.5 (51-58)
    Alfa-1 3.5 (3-5)
    Alfa2. 2.9 (0,5-10)
    Beta1 14.4 (4-9)
    Beta2 32,4 (4.2-11)
    Gamma 8.3 ( 10,5-16)
    Ci sono altri valori in grafici che non so riportare. Qualora ritenesse opportuno avere anche quelli posso scannerizzarli ma avrei bisogno di un indirizzò mail.
    La ringrazio di cuore.

    1. Gentile signora Daniela,
      mi sono informato con miei colleghi che si interessano di Medicina Interna ed anche loro concordano con me che gli esami eseguiti non sono indicativi di Leishmania e che manca a quanto le hanno fatto fare i suoi veterinaria un esame che si chiama IFI (immunofluorescenza). In ogni caso, le percentuali (sarebbe stato meglio conoscere i valori assoluti) delle gamma non sono alti quando, invece, è proprio la gammopatia che indica il sospetto di malattia.
      Infine le dico che NON si comincia terapia farmacologica se non vi sono evidenti sintomi clinici…che lei mi dice non essere presenti sul suo cane…
      Io le consiglio di rivolgersi presso una clinica attrezzata della sua città, in modo da avere un altro parere a riguardo.
      La saluto cordialmente


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  46. Daniela

    Gentile Dottore sono La proprietari della Barboncina di 11 anni eccole i risultati della Leishmania:
    Risultato: 1:100 intervallo di riferimento 1:50. questi esami sono stati effettuati il 22 Dicembre. A Kira è stato somministrato Milteforan per 28 giorni e Attualmente prende Zyloryc 300 Mezza pastiglia al giorno dopo un mese è stato effettuato un’altro test con esame del sangue ed è risultata NEGATIVA ALLA LEISHMANIA dopo 20 giorni di Milteforan ha avuto un altro episodio di starnuti con sangue per circa 6/7 ore il 23 Febbraio un altro episodio con starnuti di sangue ma solo un paio e oggi 24 marzo altri starnuti con pochissime goccioline di sangue. cosa ne pensa?

  47. DANIELA

    Gentile Dottore,

    La mia Barboncina è stata visitata presso la Clinica Universitaria di Milano e la rinoscopia è stata lì effettuata dal Primario dell’Unità di Chirurgia, Prof. Mortellaro il primo prelievo è stato effettuato dal Prof. Mortellaro e mandato ad analizzare nei laboratori IDDEX anche il secondo test eseguito dalla mia veterinaria è stato mandato nello stesso laboratorio per evitare venisse controllato da un’altro operatore. SOLO il primissimo test è stao effettuato dalla veterinaria privata e mi dava esito negativo il secondo con i risultati bassissimi che le ho mandato e la Clinica Universitaria di Milano visti gliesiti mi ha rimandato dalla mia veterinaria privata il terzo e ultimo tests ha dato esito negativo.

    Nessuno capisce cos’abbia lamia cagnolina, la Leishmania non si presente una volta al mese e preceduta da starnuti. Mi hanno consigliato un’altra rinoscopia o un altro ciclo di Milteforan.

  48. Benedetta

    Gentile Dottore
    Ho fatto fare il test per la leishmaniosi al mio cane(un labrador di 9 mesi)nn perché avesse sintomi ma solo per una mia paura il risultato dopo tre settimane e risultato 1.80 devo preoccuparmi? Cosa devo fare? L unica cosa che ha è una ferita sotto l occhio che mi hanno detto si tratti di una demodicosi che hanno raschiato ben due volte ma con pochi risultati, aspetto con ansia una sua risposta.
    Grazie Benedetta

    1. Gentile signora Benedetta, perdoni il ritardo della mia risposta.
      Una titolazione di 1:80 rappresenta un titolo negativo. Oltre a questo esame, si deve fare nua valutazione di eventuale sintomatologia presente sul paziente (ma lei mi dice che sintomi, fortunatamente, non ve ne sono). A quesato punto, il suo cane potrebbe essere un valido candidato alla nuova vaccinazione della Virbac, messa in commercio un anno fa e che garantisce una protezione dalla Leishmania all’80% (continuando ad usare regolarmente i repellenti classici, come lo Scalibor, l’Expot o l’Advantix).
      Per quanto riguarda la possibile demodicosi, ovviamente non posso dirle nulla perchè non avendo visitato il suo cane, non posso sapere se la diagnosi è vera o no. Si affidi a bravi medici veterinari, per ridurre al minimo la possibilità di errori.
      La saluto cordialmente


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

    1. Gentile signora Eva,
      se del vaccino stiamo parlando, la mia risposta è un deciso SI !!!
      Si assicuri che la piccola non sia già a venuta a contatto con la Leishmania e faccia eseguire le tre vaccinazioni iniziali, per poi continuare annualmene con il richiamo, SEMPRE preceduto dal controllo del sangue.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  49. mattia

    Buongiorno. Avrei bisogno di un suo chiarimento. Il mio cane di tre anni è stato trovato positivo alla leishmania con valore 1:200. Dopo di questo è stato fatto l esame pu/cu delle urine con valori normali. Il mio veterinario ha deciso per ora di non procedere con nessuna cura dato che anche gli esami del sangue sono del tutto perfetti. Pero documentandomi su internet ho letto fhe c e un esame piu specifico il pcr che il mio vet non mi ha proposto. Posso per lei stare tranquillo o dice che il cane ha bisogno di iniziare la terapia? Sono molto confuso e preoccupato. Grazie

  50. Sonia

    Gentile Dottore,
    ieri pomeriggio ho applicato per la prima volta l advantix al mio cane, che non ha avuto nessun tipo di reazione. Questa mattina invece, presenta prurito al collo e il corpo ha delle contrazioni, più un notevole fastidio nella zona vicino alla coda (ho applicato l advantix su tutta la schiena). In più questa mattina tossiva, dopo essersi grattato. Mi devo preoccupare o può essere una reazione normale che passa con le ore ?
    Cordiali saluti.
    Sonia

    1. Gentile signora Sonia,
      al di la del fatto che l’Advantix non è il mio prodotto preferito, le posso dire che il suo cane ha avuto una reazione al prodotto.
      Lo lavi e, se continua a grattarsi molto, sarà necessario andare da un veterinario per farsi prescrivere del deltacortene (cortisone).
      Se del caso, lo lavi subito ed attenda almeno 5 giorni prima di riapplicare un nuovo prodotto che, questa volta, potrà esseread esempio il Front Line Combo. Se per caso il suo cane vivesse insieme a gatti, faccia ESTREMA ATTENZIONE, perchè l’advantix può causare la morte dei nostri amici felini !!!
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  51. Tiziana trumbadore

    Il mio labrador di 5 anni presenta da un paio di mesi zoppia all’ arto posteriore, dopo ciclo di antinfiammatorio prescritto dal veter. É peggiorato, prima poggiava la zampa ora non più, la tiene in alto costantemente. Ho fatto fare prelievo per leshmaniosi risultato LEIFi positivp 640 di titolo. Il biochimico non mostra interessamento renale. La domanda é la seguente quanto deve durare il ciclo di glucantime e allopurinolo??? Alcuni dicono 21 gg altri un mese altri 40. Con questo valore riscontrato pensa che la zoppia andrà a posto??? Ringrazio in anticipo.

    1. Gentile signora Tiziana,
      prima di pensare ad un trattamento per la leishmaniosi è fondamentale capire se la zoppia è dovuta a problemi articolari da Leishmania, o se sotto vi sono lesioni come ad esempio la rottura del legamento crociato, o patologie dell’anca.
      Dunque, prima delle radiografie eseguite in sedazione da bravi medici ortopedici veterinari e poi, nel caso di negatività di lesioni ortopediche-neurologiche, si tratti il cane. Il trattamento non ha un tempo predeterminato ed è legato ai successivi controlli ematologici sulla Leishmania.
      Di certo le dico che, con 1:640, un trattamento di soli 21 giorni sarà assolutamente insufficiente…
      Si assicuri che vengano eseguiti anche esami delle urine e profili biochimici di controllo.
      Se la zoppia sarà legata alla leishmaniosi, molto probabilmente si risolverà mettendo in terapia il suo amico.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  52. Simona

    Salve,

    Sto per prendere un cucciolo di circa 3 mesi e vorrei iniziare da subito in maniera efficace un’opera di prevenzione contro la leishmaniosi. So che generalmente si usa il collare scalibor, ma, da quello che ho capito, è tossico per i gatti (così come l’advantix ). Io di gatti ne ho due e volevo dunque chiedere se esiste una valida alternativa allo scalibor che però sia altrettanto efficace.

    Vi ringrazio in anticipo per attenzione e disponibilità.

    Cordiali saluti.

    1. Gentile signora Simona,
      la lotta alla Leishmania oggi si combatte non solo con l’eccezionale Scalibor, ma anche con la nuova vaccinazione messa sul mercato l’anno scorso. Questo vaccino, sebbene abbia una copertura di circa l’80%, è considerato molto bene dalla stragrande maggioranza dei medici veterinari. La invito a chiedere informazioni al migliore medico della sua zona, il quale saprà guidarla al meglio nell’approccio a questo innovativo sistema di protezione (sono, infatti, necessari degli esami pre-vaccino, che dimostrino che i pazienti non sono mai venuti a contatto con il parassita). Oltre al vaccino, come dicevamo all’inizio, sarà importante associare anche la protezione data dallo Scalibor (o, nella sua versione spot-on, dall’Expot). Personalmente, io non consiglio ai miei clienti mai l’Advantix, per molteplici ragioni, non ultima quella da lei segnalata della tossicità “mortale” a volte sui nostri amici felini.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  53. karolina

    Salve mi chiamo Karolina scrivo dalla liguria,mia cagnolina una meticcia di 7 anni ha la leishmaniosi.lo abiamo scoperto 3 anni fa..subito abiamo fatto la cura con Milteforan e continuiamo a fare una cura con le pastiglie di allopurinolo,ogni mese per 10 giorni.settimana scorsa abbiamo fatto le analisi del sangue,risultati sono questi:
    Analisi anno 2013
    ALBUMIN 47.0
    ALPHA1 4.4
    ALPHA2 20.6
    BETA 20.3
    GAMMA 7.8
    PROT TOT(g/l) 137
    AZOTEMIA 52
    CREATININA 1.79
    PROTEINE TOTALI 13.7

    Analisi anno 2011
    ALBUMIN 43.1
    ALPHA1 6.5
    ALPHA2 18.9
    BETA 19.9
    GAMMA 11.7
    PROT.TOT(g/l) 100
    AZOTEMIA 56
    CREATININEMIA 1.25

    Analisi anno 2012
    ALBUMIN 48.2
    ALPHA1 4.6
    ALPH2 20.6
    BETA 18.0
    GAMMA 8.6
    PROT. TOT(g/l) 73
    AZOTEMIA 44
    CREATININEMIA 1.35
    Non dovrei secondo voi rifare la cura con Milteforan?O provare qualche altra cura?mio veterinario dice che non e necessario..vorrei un vostro parere.
    Grazie, Karolina

  54. francesca

    salve circa 15 giorni fa il mio vet a diagnosticato la lesmaniosi al mio cane nn so dirvi il valore perchè nn ho visto nulla mi ha solamente detto che era positivo.lui nn riscontrava nessun sintomo aveva solamente infiamate due macchi k tral’altro a fin dalla nascita, dopo la diagnosi mi disse di iniziare la cura con zyloric, glucantimine fiale e zincogen perle. ho iniziato la cura da due giorni e adesso il cane a difficoltà a muovere la zampa posteriore e stenta a camminare io sono procupata perchè prima della cura il mio cane non dava nessun sintomo

    1. Gentile signora Francesca, non sta nè in cielo nè in terra che si inizi una terapia così importante come quella per la leishmaniosi, senza che il medico ne abbia parlato approfonditamente con il proprietario, rilasciando tutta la documentazione che ha portato alla diagnosi ed i risultati dei vari esami. Dunque, il mio consiglio è di tornare dal suo medico e di richiedere la documentazione, insieme ad una spiegazione dettagliata della situazione de suo cane; oppure, di far vedere (se vuole, può scannerizzare tutti gli esami ed inviarli alla mia mail) la documentazione in suo possesso a dei medici esperti, per capire se davvero è il caso di cominciare con la terapia oppure no.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  55. Marta

    Buonasera dottore,
    Io abito sulla collina di Torino, premetto che prima di prendere il mio adorato Ben sono morti 3 cani di leishmania proprio dove abito io con il mio cane. L anno scorso volevo fargli fare il vaccino ma il mio vet me l ha sconsigliato perché era ancora cucciolo . Adesso che è giunta l ora di farglielo ho dovuto fare il test Che è risultato 1:80 positivo nonostante tutti i repellenti che ho utilizzato dallo scorso aprile fino ad ottobre compresi. Mi devo preoccupare? Cosa devo fare? Sono distrutta in questi giorni perchè alcuni veterinari mi dicono che è possibile la presenza della malattia e altri mi dicono che è un fatto irrilevante e se avessi rifatto il test sarebbe risultato negativo…nel caso invece è curabile? O almeno posso sperare di fargli condurre una vita felice , normale e lunga senza troppe complicazioni? Grazie in anticipo !!!!!

    1. Gentile signora Marta, ovviamente mi dispiaccio per i suoi tre amati cani, scomparsi a causa di questa orribile ed insidiosa malattia. Il fatto che così al nord il parassita sia presente e sia anche letale, dimostra che la malattia vada estendendo la sua localizzazione, nonostante la profilassi che viene fatta da proprietari attenti come lei. Per quanto riguarda Ben, sul quale mi pare di capire non vi sia sintomatologia in atto al momento, lei non deve fare alcuna terapia, ma le consiglio di rivolgersi presso cliniche organizzate ed attrezzate della sua città (conosco molto bene la Clinica Veterinaria Colletta di Torino), per eseguire ad esempio un prelievo di midollo costo-condrale (esame molto semplice e non invasivo) per cercare di comprendere quel titolo di 1:80 che lei ha riportato. In questo modo, sarà facile comprendere lo stato della malattia, considerando che questo rappresenta un titolo assolutamente normale nelle aree dove la Leishmania è presente. In base alla risposta dell’esame, si potrà comprendere se la vaccinazione (che noi caldeggiamo vivamente in questa clinica) sarà possibile oppure no. Infine, mi permetto di consigliarle come metodi di profilassi, l’uso del collare Scalibor od in alternativa le pipette Exspot.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  56. Jane

    Buongiorno Dott. Sciannimanico,

    Vorrei sapere, quale è il titolo della leishmaniosi (IFI) è quello più alto? Mio cane (viviamo in Puglia) ha il titolo 1/320. E’ alto questo titolo?
    Inoltre vorrei sapere, se il collare seresto o scalibor, e lo spray advantix possono proteggere il cane definitivamente dai flebotomi?

    Grazie mille.
    Jane

  57. Salve il mio chihuahua leon di 3 nni e mezzo ha fatto x prevenzione il test rapido x lesmaniosi della virbac ed è risultato secondo le veterinarie positivo io ho visto il test ed era appena colorato di rosina.al che sono partiti una serie di esami x vedere che tipo di lesmaniosi è. Esame urine viste al microscopio dalla vet presentava cilindri e proteine e peso specifico alto, quindi fatta eco renale ed è tutto a posto, elettroforesi tutto a posto un po più alto alfa 2 ma di pochissimo immunofluorescenza 1:80 negativo esami standard normali.ripetuto esame urine in lab tuuto normale solo rari cilindri granulosi quindi se tutti gli esami sono nella norma loro continuano a dire che e è entrato in contatto con il pappataceo e quindi è un cane infetto niente cura ma da tenere sotto controllo.ma ci si può fidare di questo test rapido? Vale più degli esami di sangue? Sono molto preoccupata lui è il mio amore vive in simbiosi con me dorme con me sono distrutta, lei che ne pensa cos’altro posso fare a me sembra impossibile che abbia contratto questa terribile malattia, mi aiuti.

    1. Gentile signora Roberta, i test rapidi non sono affidabili al 100%. Invece, il protocollo a cui affidarsi è proprio quello di eseguire una elettroforesi ed un immunofluorescenza, esami che lei ha eseguito con risultato negativo (1:80).
      Dunque, può considerare il suo Chihuahua non infetto e, magari, può prendere in considerazioni l’idea di vaccinarlo contro questa malattia, con il nuovo vaccino uscito un paio di anni fa (chieda notizie al suo vet). Ovviamente, MAI interrompere la protezione contro la puntura del pappatacio utilizzando lo Scalibor o l’Exspot.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  58. giusy

    Salve, io ho un Boxer di tre anni..mesi fa l ho portato dal veterinario e mi ha detto che era affetto da leishmaniosi e aveva i vermi allo stomaco.
    Ha prescritto una cura tra punture per 15 gg e pillole per 5 mesi.
    io purtroppo sono riuscita a curarlo un mese soltanto per forti problemi economici.
    Adesso il mio cane è in uno stato avanzato della malattia.Pesa pochissimo forse 10kg..è dimagrito da sembrar anoressico, mangia tantissimo e ha delle escoriazioni in tutto il corpo e non si regge in piedi…Per favore aiutatemi io non voglio che muoia..adesso posso comprare le medicine..ma è troppo tardi per curarlo..?almeno vorrei riportarlo al peso di prima vedere quella bella faccina rotonda e i bei muscoli.. fargli prolungare la vita vi prego è straziante vederlo così..

    1. Gentile signora Giusy, purtroppo non so cosa dirle, se non di curare al meglio il suo animale, altrimenti non ce la farà.
      E’ una malattia infame e chi non può o non riesce a curare il proprio cane, rischia di perderlo.
      Mi dispiace…
      Saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

    1. Gentile signor Sebastiano, la risposta alla sua domanda prevede un numero di patologie così elevato, da non essere ragionevole io glielo mostri. Non ci sono dettagli nella sua domanda, che mi permettano di darle una risposta utile per lei…mi dispiace.
      Saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  59. Marika

    EGREGIO DOTTORE
    LA MIA CAGNOLINA DI QUATTRO ANNI HA CONTRATTO LA LESMANIA E HA APPENA FINITO LA PROFILASSI CON MILTEFORAN E ALLOPURINOLO. HA INOLTRE ASSUNTO ZITAC PER PROTEGGERE LO STOMACO, INOLTRE VISTA LA SUA CONDIZIONE CLINICA PRIMA E DUANTE LA CURA HA EFETTUATO FLEBO IN VENA E POI SOTTO CUTE DI RANITIDINA PER STABILIZZARE I RENI CHE SONO STATI DANNEGGIATI DALLA MALATTIA. A TUTTO CIò SI SONO INOLTRE AGGIUNTI DOSI DI CARNITINA POICHè I SUOI GLOBULI ROSSI SONO BASSI E ZINCOPET E ALL’OCCORRENZA ENTEROGERMINA E DIATAB PER LA DISSENTERIA E LE COLICHE INTESTINALI. è STATA DURA MA LA MIA BO HA FINITO IL PERCORSO .ORA LA MIA DONMANDA è COSA POSSO FARE PER MAGARI RAFFORZARE IL SUO SISTEMA IMMUNITARIO ESSENDO FONDAMENTALE PER COMBATTERE LA MALATTIA?
    LA RINGRAZIO
    CORDIALI SALUTI
    MARIKA

    1. Gentile signora Marika, non esiste un farmaco che “rinforzi” il sistema immunitario, mentre l’unica vera cosa che dovrà fare per il benessere della sua amica sarà quella di monitorarne lo stato di salute con regolarità, attraverso esami del sangue ed ecografie frequenti (due o tre volte l’anno), in modo da poter intervenire farmacologicamente e con eventuali ricoveri per somministrare fluidoterapia per via endovenosa ogni volta che si osserverà una recrudescenza della malattia.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  60. Marika

    Gentile dottore
    Grazie per la sua risposta avrei bisogno di sapere se si riferisce a infusioni di ranitidina in vena e per quanto riguarda l’eco hai reni? Inoltre ho letto su alcuni articoli che esistono dei prodotti omeopatici che aiutano il sistema immunitario tipo ISV OTI (immunomodulatore) che vengono usati per la Leishmania.Lei li conosce? Inoltre mi chiedo se hanno effetti collaterali tenendo conto che la mia Bo ha un insufficienza renale dovuta alla malattia.
    La ringrazio molto per la sua cortesia e disponibilità.
    Cordiali saluti
    Marika

  61. Francesca

    Salve gentile dottore, le volevo chiedere un informazione,esistono forme di dermatite con forfora sul manto del cane che apparentemente possono fare pensare che si tratti di leshmaniosi?

    1. Gentile signora Francesca, perdoni il ritardo della mia risposta.
      Ogni lesione dermatologica, soprattutto in aree dove la Leishmania è presente, andrebbero indagate con esami del sangue, in particolare IFI Leishmania ed una elettroforesi.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  62. Anna

    Salve,
    Il mio cane pastore maremmano ha le unghie molto lunghe su tutte 4 le zampe ed ha una ferita tra le dita della zampa anteriore che è diventata, nonostante dopo averla disinfettata più volte, color nera. Vorrei sapere se potesse essere un sintomo della leishmaniosi oppure da un morso di animale (volpe). La ringrazio.
    Cordiali saluti.

    1. Gentile signora Anna, se le unghie sono molto lunghe potrebbe essere causa semplicemente del mancato consumo che il suo cane fa, perché ad esempio non cammina a sufficienza su superfici dure. In alternativa, potrebbe come giustamente lei fa notare essere un sintomo di leishmaniosi ed a questo punto consiglio una visita in una clinica veterinaria, per far controllare il suo cane da bravi ed esperti medici.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  63. Carla

    Egregio dottore! Il mio cane meticcio di anni 3 dopo aver eseguito il test IFI è risultato dubbio con valore 1\40. Rieseguito a distanza di un mese test ELISA ha dato positività bassa con valore 37.3% ho eseguito terapia con milteforan e zyloric 1cp al di e per i primi 15 giorni hanno dato anche lo sciroppo leisguard. Quanti giorni dopo la fine del milteforan posso eseguire analisi? Soprattutto quali esattamente x controllare se ha superato la malattia? Mi scusi x le domande ma prima di capire che fosse leishmaniosi mi hanno fatto curare il cane x piodermite con antibiotici e cortisone e antistaminici e ora ho paura che possan sbagliare ancora con la terapia. La ringrazio infinitamente

    1. Gentile signora Carla, il titolo 1:40 non è rappresentativo di malattia da Leishmania. Solo se in presenza di sintomi importanti, riconducibili alla infezione suddetta, sarebbe corretto eseguire una PCR su midollo costo-condrale, per confermare o meno la positività alla malattia.
      Essendo un argomento molto complesso, non sempre affrontato in modo corretto da alcuni veterinari, le consiglio “caldamente” di rivolgersi presso la migliore delle cliniche veterinarie della sua città, in modo da affidarsi a professionisti del settore per una valutazione del suo cane e per ricevere i migliori consigli sul da farsi.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  64. gabriele

    Spettabile Dott. Massimo Sciannimanico,
    le scrivo in quanto sono proprietario di un bulldog inglese di circa 2 anni. A meta luglio non stava bene ed era dimagrito abbiamo fatto le analisi del sangue bio ed emo ed i valori non erano sballati pertanto siamo andati avanti normalmente fino al 20 agosto quando i valori del sangue erano devastanti (creatinina 4,21). Pertanto è stata diagnosticata la leishmaniosi in stato avanzato con interessamento renale come dimostrano le analisi delle urine che mi sono permesso di inviarle all’indirizzo mail della clinica.
    Oggi è il quarto giorno di cura con Zyloric e glucantine. Del primo mezza compressa due volte al di e del secondo 3 ml al giorno iniettati insieme a 2ml di soluzione fisiologica (il cane attualmente pesa 18 kg da più di 25). Di glucantine inizialmente mi avevano prescritto 6 ml giornalieri poi ridotti a 3 per problemi ai reni. Lo sciroppo lo hanno sconsigliato poiché le feci le fa molto lente e sporadicamente vomita.
    Considerando le analisi che le ho anche inviato lei pensa che sia una situazione risolvibile e la cura è idonea al caso? Consideri che ha forte dolore agli arti posteriori e fa fatica ad alzarsi, inoltre rifiuta ogni tipo di cibo, pertanto sto provvedendo già da tre giorni con Nutribound, ci sono altre soluzione per nutrirlo?
    Chiedo gentilmente un suo riscontro come può immaginare per noi è come un figlio ed il dolore ci sta logorando, dal momento che abbiamo scoperto questa malattia la nostra vita si è interrotta.
    Cordiali Saluti
    Gabriele

  65. Licia

    Salve,vorrei chiedervi una delucidazione.
    Da un emocromo si può ipotizzare la LEISHMANIOSI?
    Volevo far un test per prevenzione, ma il mio veterinario mi ha consigliato che senza sintomi era inutile,e che da un emocromo ci si poteva fare un quadro generale sulla salute del cane.
    Da tale analisi sono risultati:
    WBC 13.3; lymp: 2.2(16.5%);mono: 0.9 (6.5%); Gran: 10.2(77.0%)
    RBC 7.90;
    Hb 15.6;
    Hct 47.4;
    MCV 60.0;
    MCH 19.8;
    MCHC 33.0;
    PLT 9;
    RDW 17%;
    Per un paio di mesi per problemi economici è stato alimentato il cane con mangime di bassa qualità ( supermercato),ora è tornato a mangiare roba di ottima qualità e secondo lui(il veterinario) questa era la causa di una leggera anemia.
    Vi chiedo cortesemente se mi date una vostra impressione, vi sarei immensamente grata.
    Cordiali saluti

    1. Gentile signora Licia, io NON VOGLIO credere a quanto lei scrive, anche se non ci sarebbe ragione di scrivere una cosa inventata…
      Ma sarebbe così assurda questa storia che, se fosse vera, il veterinario (???) che le avrebbe così risposto dovrebbe essere tacciato di Mal Practice, ovvero l’essere negligente causando danni ad altri, in questo caso un animale ed il suo attento proprietario.
      Ma lasciando calare un pietoso velo su quanto detto da questa “persona”, le posso affermare che in alcun modo è possibile considerare il risultato di un esame emocromocitometrico come conclusivo per affermare o meno la salute di chicchessia. Inoltre, la sua richiesta di fare controlli sul suo amato amico riguardanti la possibilità che abbia o meno avuto contatti con la Leishmania, non solo è legittima ma decisamente sensata, visto che questo parassita causa tantissimi decessi in Italia. Dunque, il mio consiglio è di cambiare immediatamente veterinario e di rivolgersi presso la migliore delle cliniche veterinarie della sua città, dove per certo troverà finalmente dei medici veterinari in grado di darle tutte le informazioni possibili, per guidarla al meglio.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  66. Licia

    P.s.
    Il cane è un kurzhaar femmina di un anno di 16 Kg( è rimasta un po piccolina rispetto il peso standard che si dovrebbe aggirare intorno ai 23/25 kg).
    Grazie mille infinite.

  67. marco

    Salve vorrei una delucidazione sul mio caso, il mio bulldog americano di 2 anni ha contratto la leismania da circa un anno, abbiamo cominciato la cura con il milteforan e allopurinolo. ..ora il cane sta bene e le analisi che facciamo ogni 3 mesi lo confermano, solamente che da quando ha contratto l infezione gli prende una strana dermatite alle zampe..all inizio non gli davo troppo peso la curavo con antibiotico e basta,dopo ho notato che la cosa era ciclica, quindi dermatite 15 giorni d antibiotico, poi otite all orecchie, curata con otomax, e poi di nuovo dermatite ale zampe…comincio a essere abbastanza preoccupato…mi è stato detto che forse è allergico all erba del giardino…possibile?? Può essere causata dalla leismania, oppure è solo una controindicazione all allopurinolo? ?? In attesa di risposta la ringrazio anticipatamente. ..

    1. Gentile signor Marco, è molto difficile rispondere alla sua mail perchè, senza vedere le lesioni e senza aver raccolto una anamnesi approfondita, sarebbe solo un parlare senza cognizione.
      Il mio consiglio è invece quello di rivolgersi ad un bravo dermatologo veterinario, il quale potrà visitare il suo cane ed eventualmente organizzare degli approfondimenti specialistici, in modo da poter emettere una diagnosi precisa.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  68. sara

    Gentilissimi,
    purtroppo pochi giorni fa il mio cane è morto a causa della leismania all’età di 11 anni.
    Ora l’altro mio cane, che anche lui ha la stessa malattia, da qualche giorno accusa forti pruriti al muso, è un cane molto anziano (20 anni compiuti) e da ormai 4 anni convive con la malattia.
    Io volevo sapere se secondo voi la terapia con STOMORGIL associato a ZYLORIC è efficace ?
    Grazie Sara

    1. Gentile signora Sara, sono infinitamente dispiaciuto per la scomparsa del suo amico…è una orribile malattia…
      Per l’altro suo cane (veramente molto anziano e quindi complimenti !), se ci sarà necessità di dare antibiotico insieme allo Zyloric non ci sarà nulla da preoccuparsi.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  69. Mariapia

    Salve a tutti. Il mio cane ha 13 anni e da circa una settimana è cambiato totalmente. Beve e urina di continuo, mangia solo se imboccato,tremore alle gambe posteriori e anche debolezza..sembrano paralizzate. Ieri abbiamo fatto il prelievo,a parte la sospetta insufficienza renale già sospetta è possibile sia affetto da leishmaniosi?
    Quanto è brutto vederla in questo stato quando fino a pochi giorni fa giocava continuamente.

    1. Gentile signora Mariapia, per quanto faccia enormemente dispiacere, è possibile che che un animale manifesti la sua malattia “improvvisamente” ai nostri occhi. Invece, di sicuro, se di patologia cronica si trattasse, la stessa da tempo starà dando problemi occulti e di difficile identificazione se non con esami del sangue. Infatti, i medici veterinaria più attenti ed aggiornati consigliano ai propri clienti ed ai loro amici a quattro zampe esami del sangue da eseguirsi con regolarità, almeno dal 6-7 anno di età in poi…e questo perchè prevenire è sempre meglio che curare !
      Per ora, attenda il responso degli esami e si affidi a bravi colleghi, in modo che si possa instaurare la migliore terapia ad hoc per il suo cane.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  70. Luisa

    salve dottore, venerdì mattina ho notato che la mia cagnolina( meticcio di quasi 3 anni) mordicchiava la zampetta sx anteriore e ho visto che le mancava un Po di pelo, l’ho portata dal vet e ha detto che forse é rogna e miha prescritto il neguvon che non ho trovato in nessuna farmacia, ieri ho notato che il cane ha perso un Po di pelo sul naso (non si gratta) e ho Tel a un altro vet che ha detto che potrebbe essere la tigna e mi ha fatto comprare cane sten crema. da ieri mattina é. mogio con poco appetito.. potrebbe essere leishmaniosi? inquest i gg le sto dando galastop. la ringrazio per l’attenzione.

    1. Il Cardotek è un ottimo prodotto, usato ampiamente per la prevenzione contro la Filaria.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  71. francesca

    Salve, a dicembre ho adottato un cane di circa 2 anni dalla sicilia prima di farla arrivare a casa le abbiamo fatto fare le analisi abbiamo scoperto che è positiva alla Leishmaniosi con titoli 1:50 abbiamo fatto fare anche anche le analisi per il fegato e sono nella norma.
    Abbiamo iniziato la cura con allopurinolo 300 due compresse al giorno.
    Ci hanno detto che dopo due mesi dobbiamo effettuare ulteriori analisi per vedere se il titolo si è negativizato. secondo voi devo avere degli accorgimenti particolari?La cura va bene?

  72. Cosimo

    Buonasera, il mio meticcio di 3 anni e mezzo ha registrato per ben 2 anni il valore di 1:80 ifi. Il controllo di quest’anno ha riportato il valore di 1:100 tramite tecnica ifi. Essendo il risultato considerato positivo la clinica ha consigliato un ulteriore esame tra 4 settimane. Premetto che abitiamo in Puglia, il cane vive in casa ed è sempre stato protetto con scalibur e advantix. Cosa mi consigliate? Grazie.

    1. Gentile signor Cosimo, in regioni come la Puglia, la Sicilia, la Sardegna, valori così sono considerati negativi e, se non vi sono sintomi clinici in atto, non vanno somministrate terapie.
      Concordo con la richiesta dei colleghi di ripetere l’esame e suggerisco, oltre alla Immunofluorescenza, di eseguire una Elettroforesi.
      Ovviamente, lo Scalibor è non solo consigliato, ma una vera e propria necessità.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  73. Giuseppe

    Salve Dottore ho una rottweiler di 4 anni qualche giorno fa l’ho trovata con con piccola abrasione a forma circolare sulla zampa anteriore ma nn ci ho dato peso, l’indomani ho trovato la stessa ferita molto allargata e di color rosso vivo. Portata dal vet mi ha diagnosticato con la lampada di wood una micosi poi ho fatto fare le analisi x la leishmania e ieri sono arrivati i risultati 1/80 è molto alto il valore?devo preoccuparmi? Io vivo a Manfredonia (FOGGIA)

    1. Gentile signor Giuseppe, in Puglia un titolo 1:80 non è significativo, ma la sola Immunofluorescenza (IFI per Leishmania) non è sufficiente. Importante è conoscere anche l’Elettroforesi del suo cane e, soprattutto, capire se ci sono sintomi in atto, riferibili a leishmaniosi. In assenza di sintomi e con un titolo così basso, NON si deve fare nulla !
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  74. Giuseppe

    Ahh!! Dimenticavo la mia rott…nn ha sintomi di nessun genere anzi è sempre bella attiva e mangi in continuazione….Grazie anticipatamente

  75. Martina

    Buongiorno,
    la mia cagnolina un border collie di un anno e mezzo risulta che ha gli anticorpi della leishmaniosi , per cui che significa che ce l’ha o che si sono formati gli anticorpi perchè l ha presa e debellata?deve fare ulteriori analisi, lei sta benissimo attiva , mangiona ecc…ha solo una piccola ferita sul naso…

    1. Gentile signora Martina, per cominciare le dico che senza dei parametri ematici (valori della Elettroforesi e dell’Immunofluorescenza del suo cane) è per me impossibile dire assolutamente nulla.
      Invece, mi permetta di sorridere a quanto le è stato detto dal veterinario a proposito del “bel colore del sangue”…
      Io mi auguro sia stata una battuta detta in confidenza con lei, altrimenti sarebbe una frase assolutamente fuori luogo e per nulla professionale, senza alcun fondamento scientifico.
      In Sardegna la leishmaniosi è molto diffusa, ma per dirle qualcosa avrei bisogno di conoscere i risultati degli esami del sangue.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  76. Martina

    inoltre il veterinario le ha controllato le ghiandole ,e il sangue ha detto che aveva un bel colore mentre quelli affetti da leishmsniosi mi disse che rimane più scuro e più denso…

  77. Giuseppe

    Salve Dottore sono sempre Giuseppe dei post precedenti…e dalle analisi dell’elettroforesi e funzionalità renale sono usciti questi risultati… AZOTEMIA 36 CREATININA 0,76 ALBUMINA 28,5 ALPHA1=4,2 ALPHA2=16,4 BETA 43,4 GAMMA 7,5 RAPPORTO A/G 0,40…il mio vett. Mi ha prescritto la terapia, allopurinolo cpz 300mg per 6 mesi e poi antimania fiale per quattro settimane….x voi i valori come sono? La terapia impostata va bene? Grazie anticipatamente per la vostra disponibilità…Saluti

  78. Giuseppe

    Salve Dottore sono sempre Giuseppe dei post precedenti…e dalle analisi dell’elettroforesi e funzionalità renale sono usciti questi risultati… AZOTEMIA 36 CREATININA 0,76 ALBUMINA 28,5 ALPHA1=4,2 ALPHA2=16,4 BETA 43,4 GAMMA 7,5 RAPPORTO A/G 0,40…il mio vett. Mi ha prescritto la terapia, allopurinolo cpz 300mg per 6 mesi e poi antimania fiale per quattro settimane….x voi i valori come sono? La terapia impostata va bene? Grazie anticipatamente per la vostra disponibilità…Saluti

    1. gentile signor Giuseppe, dai valori che lei mi riporta i reni del suo amico non presentano alcuna alterazione funzionale. Per definizione, la terapia con Allopurinolo e Glucantime si fa esclusivamente se il paziente risulta positivo ai test per la Leishmania (IFI ed Elettroforesi) e se sono presenti sintomi riferibili alla patologia.
      Se il suo amico non presenta lesioni cutanee e nel complesso è in buona salute, io le sconsiglio di cominciare con una terapia specifica, come anche suggerito da uno dei più importanti siti dedicati a questa patologia, che può trovare al seguente indirizzo http://www.leishmania.it/
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  79. federica

    buongiorno Dottore, all’incirca 50 giorni fa da un’analisi del sangue abbiamo scoperto che la mia cagnolina di 6 anni e mezzo (meticcia simil yorkshire)ha la laishmania (il sintomo era una piccola perdita di pelo perioculare sinistro) valore 1:160, elettroforesi perfetta a detta del medico, come di un cane non infetto. abbiamo fatto 28 giorni di Milteforan, 0.9 ml al giorno (visto che pesa 8 kg) e due pasticche di allopurinolo da 100 mg al dì, una la mattina e una la sera per almeno 3 mesi. da un paio di giorni pero’ la cagnolina presenta altri sintomi cutanei, come prurito sempre sugli occhi e sul musetto, e da ieri sera ha mostrato anche bollicine e macchioline sulla pancia e dei lievissimi tremori alle zampe posteriori quando la tengo in braccio (io l’associo al fastidio del prurito che credo sia diffuso sul tutto il corpo). so che le espressioni cutanee posso essere associate a tantissime cose,ma le volevo chiedere se secondo Lei la terapia fin’ora adottata (milteforan e allopurinolo) per la leishmania e’ stata corretta.grazie mille.

  80. michele

    Salve . la mia cucciola di 1 anno e 3 mesi ultimamente mangia poco e dimagrita qualche etto . se mi salta addosso e scende poi ha un attimo di affanno . ieri sera a rigurgitato cibo e oggi starnutiva.
    Le ho dato su consiglio del vet olio di vasellina con la siringa . ora sono preoccupato che possa venire anche una polmonite inbgestis dato che il vet sente dalla parte destra più rumore al respiro

  81. Marika

    Buongiorno,
    ho una cagnolina che ha contratto la Leishmaniosi qualche anno fa, ed è già stata sottoposta a cicli di Milteforan. Fino ad oggi mi hanno detto di continuare a somministrarle l’Allopurinolo, perchè pareva contrastare la malattia. Quindi sono quasi quattro anni che lo assume tutti i giorni. Pochi giorni fa sono venuta a sapere che questo farmaco è indifferente, Lei cosa mi consiglia? sono un pò preoccupata gradirei un Vostro parere.
    Grazie

  82. raffaello

    buongiorno il mio cucciolo di 4 mesi preso in sicilia e risultato positivo al test leishmania-ac(elisa) valore 22 .ha anche una dermatite che il vet. sta curando come rogna dermodettica. lui e vivace e non sembra avere problemi . come devo comportarmi il mio vet non mi ha dato speranze.
    grazie

    1. Gentile signor Raffaello, una ELISA non ha molto significato per la diagnosi della leishmaniosi, se da sola. Faccia eseguire gli esami corretti ed un profilo biochimico e delle esami delle urine, per avere un quadro completo e preciso. Per terminare, se fosse davvero affetto da questa patologia, il problema dermatologico che presenta probabilmente non sarà da rogna demodettica, anche lei piuttosto facilmente diagnosticabile se affrontata da bravi medici veterinari, ma dalla Leishmania stessa..ergo, il suo cane non starebbe facendo le cure corrette.
      Come tante volte scrivo in questo blog ad altri utenti, si rivolga a colleghi esperti, in una ottima clinica della sua città, per una valutazione professionale del caso che mi ha esposto.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  83. Fabio

    Salve, ho un cocker spaniel inglese di quasi 4 anni, 3 mesi fa ha iniziato ad avere una dermatite che ha tutt’ora, portato dal veterinario gli fece esami del sangue per escludere la leish e risultò negativo, e gli prescrisse cortisone e antibiotici (insieme). A distanza di 2 mesi, qualche giorno fa l’ho riportato per lo stesso problema e rifacendo i test è risultato positivo, i test erano: esami del sangue (dai valori secondo lui risultava allergia o intolleranza), puntato linfonoidale (nel quale non è risultato niente) e un test rapido, credo elisa, c’era una lineetta rossa, quella del test, ed una leggermente ombrata.. non gli ha fatto l’immunofluorescenza quindi non so il titolo, mi ha detto che siccome la linea è leggermente ombrata gli anticorpi sono bassi e avrà un titolo di circa 100/160.. tra l’altro ho notato che gli arti inferiori sono leggermente più deboli e più bloccati, e portandolo da lui con sospetto di una displasia o artrite, gli ho detto di controllarlo un po’ (sperando che facesse delle manovre ortopediche) invece mi ha risp dicendo “abracadabra, non ho la sfera di cristallo, ci vogliono le radiografie).. siccome non ho molta fiducia in questo veterinario, volevo sapere se lei ne conoscesse qualcuno veramente bravo a Taranto.. grazie di tutto.

    1. Gentile signor Fabio, un unico consiglio…CAMBI IMMEDIATAMENTE VETERINARIO !!! Al di la delle terapie, assolutamente contestabili…a prescindere che un titolo per Leishmania di 1:160 in Puglia, con una presunta dermatite in atto, NON E’ DA BANALIZZARE PER NULLA…un veterinario che risponda come lei ha scritto nel messaggio dimostra di non conoscere il Practice Management, di non avere idea delle Buone Pratiche Veterinarie che oggi moltissimi colleghi rispettano in modo rigoroso ed è fuori dal mondo se si permette di trattare così un suo cliente.
      Perciò, cambi veterinario e scelga un medico veterinario che, come spesso dico e scrivo, sono due entità poste ad opposti poli.
      Piuttosto che rivolgersi all’Università di Bari, io le consiglio di cercare una ottima clinica delle sue parti e proprio a Bari posso suggerirle il Centro Veterinario Einaudi (via Colajanni 23A) e la Clinica Veterinaria Santa Fara (Via Bellomo 91bis). Noterà la differenza che prima le dicevo, fra un veterinario ed un medico veterinario professionista nel suo mestiere.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  84. gentile dottore, ho un pastore tedesco di 4 anni maschio(ad ottobre 2014 pesava kg. 35,8 e mangiava da 2 anni 500-600g.di croccantini forza 10 mantenimento perché allergico. La diagnosi è stata fatta in base al prurito.) All’improvviso il cane ha cominciato a non mangiare: un giorno lo assaggiava,2 lo fiutava solo e solo un giorno ha mangiato tutto nell’arco di 10 giorni anche se gli aggiungevo del pesce fresco. Il cane è dimagrito a kg.34,5 ma il veterinario senza controllarlo, mi ha detto che faceva i capricci. Dopo altri 2 giorni di digiuno ho cambiato veterinario ed è risultato che il cane aveva:globuli bianchi a 21,13;lym 5.79 gra 14,5;mhc 30;mpv11,8
    Il veterinario gli ha dato apoquel( una cp al di per 20 giorni) e 800gr maiale e+500 gr di pasta di mais a pasto.dopo10 giorni l’esame del sangue era il seguente: wbc 240,07ly15;mon14,ly46,3;mo8,9;gr44,8;mhc30,8;plt166 mpv 12.Il 16 giorno è comparsa la cistite e apoquel è stato ridotto a mezza cp a giorni alterni .Il 17 giorno essendo comparsa la diarrea gli è stato dato normix + una cp di deltacortene 25 mg una cp al giorno per 4 giorni e mezza per altri 4 giorni. Il pasto è 700gr.di maiale,200 di riso e 200 di patate al giorno. Le analisi sono normali tranne il gra 12,34;il ly 11,4 e mhc29,8. Dopo 5 giorni dalla sospensione del deltacortene, il cane smette di mangiare la sera e il giorno dopo.Riportato da veterinario è emerso che aveva la febbre a 40,i gobuli bianchi aumentati e le piastrine basse e che forse aveva l’ehrlichia ( esame fatto un mese prima insieme alla lesmaniosi,dirofiliaria ed le feci tutti negativi).Il cane pesava kg.32,50. Gli è stato dato subito miraclen 4 cp al giorno insieme ad iken up.Il giorno dopo il cane stava bene.Gli esami del sangue e quello per la ehrlichia non li ho visti perché me li darà tutti domani ma, telefonicamente, ho saputo che era positivo in minima parte ( non capisco) alla leshsmaniosi. Sono disperato, mi sembra discutibile il comportamento del medico ma, essendo ignorante in materia, chiedo a lei che ne pensa e a chi o dove posso rivolgermi con fiducia abitando a Salerno.
    Sperando che la mia ansia mi abbia fatto spiegare il tutto chiaramente, le porgo distinti saluti.
    p.s. il cane da due anni ha sempre fatto le feci spesso molli

    1. Gentile signor Fabio, caso complesso il suo…difficilissimo trattarlo per mail. Ci sono molte cose che non condivido, ad esempio:
      1) l’Oclacitinib (Apoquel) va somministrato per le prime due settimane due volte al giorno e, solo dopo questo tempo, si passa ad una
      2) la diagnosi di allergia alimentare e di atopia non si fanno somministrando cibi alla rinfusa ma, per la prima, selezionando rigorosamente un alimento e somministrandolo per almeno 6-8 settimane, al fine di poter fare valutazioni scientifiche. Per l’atopia, invece, si devono fare le cosiddette “prove allergiche”, riservate a personale medico competente in dermatologia e non a tutti i medici di base.
      3) 21mila od ancor peggio 24mila bianchi significano che il paziente ha un sito di infezione, che deve essere assolutamente individuato, prima di impostare terapie a casaccio.
      4) la somministrazione del cortisone, senza aver compreso la causa esatta del problema, dimostra che i suo veterinari stanno cominciando a brancolare nel buio e si affidano, sbagliando secondo il mio parere, al farmaco che viene usato in questi casi il quale, essendo il più potente antinfiammatorio conosciuto, non fa ce “coprire” la sintomatologia e probabilmente non curarla (un pò come mettere la polvere sotto il tappeto…). Potenzialmente, il suo amico ha anche una patologia che andrà curata con il cortisone (come ad esempio, alcune patologie del tratto gastroenterico)…ma, se così non fosse, i danni collaterali sul suo organismo potrebbero essere molto seri…
      5) dire ad un cliente che il proprio cane è “positivo in minima parte alla Leishmania” non ha alcun significato medico. Quali esami sono stati fatti per diagnosticarla ? Quali risultati ha dato i laboratorio ?
      6) un paziente come il suo cane dovrebbe essere assolutamente ospedalizzato, per una corretta somministrazione dei farmaci, per un sostegno fluidoterapico per via endovenosa e, soprattutto, per il conseguimento di ulteriori indagini cliniche che provino ad individuare la reale causa di malattia.

      Per tutto quanto ora scritto, il mio consiglio spassionato è di portarlo in una clinica veterinaria attrezzata e unanimemente riconosciuta come struttura di eccellenza, in modo che bravi medici veterinari possano fare tutto quanto in loro possesso per provare a capire e, se possibile, a salvare la vita del suo amico. Nel caso non vi fosse nessuno all’altezza, almeno per la sua conoscenza del territorio, le suggerisco di mettersi in macchina e di portare il suo cane al più presto a Roma, presso la clinica veterinaria Roma Sud, dove troverà un team di specialisti preparato a risolvere casi complessi come quello de suo cane.
      Mi tenga aggiornato…
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  85. la ringrazio per la sua tempestiva risposta. I test per la leishmania e l’erlichia sono stati effettuati presso un laboratorio veterinario di analisi e sono: leishmania 53% positivo basso perché il cane era stato vaccinato per tale malattia. Per l’ehrlichia, è 0,235 negativo ma il precedente test fatto dallo stesso veterinario lo stesso giorno ha dato esito positivo .Le ulteriori analisi del sangue fatte stamattina sono nella norma fatta eccezione per la ly 31,6 e mhc 30,7.Il cane non ha la febbre e appare molto scattante e gioioso. In ogni caso il veterinario ha detto che vuole tenerlo sotto controllo, ripetere le analisi fra 4 giorni e farlo visitare da una dottoressa specializzata in queste malattie. Non ha voluto alcun compenso né per la visita né
    per le analisi. Il cane, dimenticavo, è aumentato di 1kg.Continua la terapia con miraclin.
    L’ELETTROFORESI DELLE SIEROPROTEINE E':
    albumina 42,1 g/dl 2,86
    alfa 1 1,4 o,10
    alfa 2 17,2 1,17
    beta 1 17,9 1,22
    gamma 10,9 o,74
    beta 2 nella norma
    Alla luce di questi nuovi parametri, posso ancora dare fiducia al mio veterinario?
    In attesa della sua risposta, la ringrazio infinitamente per l’interessamento al mio cane e trovo meravigliosa questa opportunità che lei dà alle persone di poter colloquiare con lei tramite internet
    Per correttezza preciso che apoquel l’ho interrotto di mia spontanea volontà dopo averne letto gli effetti collaterali e che la diagnosi di allergia alimentare è stata fatta dal primo veterinario. Ora stiamo andando per esclusione.
    Il test per l’allergia da contatto nonché la visita da un veterinario dermatologo mi sono stati proposti solo dal veterinario attuale ma li ho rifiutati perché troppo costosi.. ed inoltre ho pensato forse da ignorante che, in ogni caso, se fosse risultato allergico ad una pianta, non avrei potuto evitarne il contatto quando lo avrei portato a passeggio.
    Mi perdoni dottore se il quadro che le ho prospettato prima non era corretto ma il mio cervello era ottenebrato dalla paura e da dubbi che oggi sono in parte dissipati.

  86. Lucia

    Salve,sono proprietaria di un cavalier King e’ da un po’ di tempo a questa parte mi sono accorta che aveva delle croste un po’ ovunque ,l’ho portato dal veterinario dove hanno fatto gli esami del sangue .Dopo qualche giorno ho avuto i risultati non c’era traccia di della malattia ,mi è stato detto che si trattava di dermatite alimentare .Comunque dopo qualche mese il cane ha ricominciato a non stare bene ripetiamo le analisi questa volta risulta la malattia già in stato avanzato addirittura dopo aver saputo l’esito sono passati solo 5 giorni il cane e’ diventato cieco sta abbattuto ,non ha più stimoli ,e’ depresso …cosa devo fare .la mia domanda è : può guarire e soprattutto la vista può tornare con una cura ,oppure devo rassegnarmi ? Sono mamma di 3 figli pur non avendo la possibilità economica x curarlo ,sarei disposta anche a chiedere aiuto ai parenti x curarlo . Xfavore dottore mi dica se devo curarlo o no ? Dimenticavo il cane ha soltanto 3 anni ! In attesa di una sua risposta .Cordiali saluti .

    1. Gentile signora Lucia, è evidente che con i pochi dati che mi ha fornito io non potrò esprimere alcun parere scientifico sensato. Se mi farà sapere in privato in quale città vive, forse potrei consigliarle una clinica attrezzata per cercare di capire cosa sta accadendo al suo amico, perchè è chiaro che a questo punto ci vogliono specialisti e non veterinari di base.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  87. Lucia

    Salve dott. grazie …oggi ho portato il cane alla facoltà veterinaria qui a Messina a parte il problema della malattia che le analisi avevano confermato ,la cecità e’ dovuta da un glaucoma all’occhio destro,mercoledì gli è stata prenotata una tac x cercare di capire del perché anche dalll’occhio sinistro non veda ,lo vedrà un chirurgo .mi è stato chiesto se voglio curarlo visto che un occhio e’ da togliere e l’altro è praticamente impossibile che recuperi la vista e la cura x la lesmaniosi e’ costosa ,ma non risolve il problema .La prego mi aiuti a decidere il cuore mi porta ad aiutarlo ,la ragione mi fa dire altro …lei da medico che ne pensa ? (Scusi ma sono poco pratica del pc )

    1. Direi signora che dovrebbe fare quello che può per il suo amico perchè, ne sono certo, lui farebbe di tutto per lei !
      Un caro saluto


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  88. Lucia

    Dott.,ciò provato ,ma purtroppo questa mattina il mio amico mi ha lasciata ….so che lui avrebbe fatto il possibile x me tanto e’ vero che ha deciso di andarsene oggi martedì ,che è l’unico giorno di tutta la settimana dove sono libera dal lavoro .Il nostro era un legame particolare .
    La ringrazio x aver dedicato del tempo a me e al mio OX .
    Cordiali saluti .

  89. domenico

    Buonasera o una setter inglese di tre anni nell’ultimo periodo o notato che le sono allungate le unghie, lo stato di salute mi sembra ottimale cosa mi consigliate di fare?

    1. Gentile signor Domenico, questa onicogrifosi (allungamento delle unghie) potrebbe essere legata ad una ragione di scarso consumo, qualora il suo amico non camminasse a sufficienza su terreni duri (che favoriscono il normale consumo delle unghie stesse), oppure ad esempio essere un segno di Leishmaniosi, patologia temibile trasmessa agli animali (uomo compreso) dalla puntura di un pappatacio. Credo che sia il caso che vada dal suo medico curante e gli chieda di fare accertamenti a riguardo.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  90. maicol

    Ciao io ho un cane pastore di due anni e mezzo.femmina.vicino la gamba ha una crosta.. secondo voi può essere leishmaniosi?perfavore rispondete..

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signor Maicol, è impossibile rispondere ad una domanda come la sua, senza alcun esame ed indagine. Porti il suo cane da bravi medici veterinari per fare degli accertamenti.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  91. Andrea

    Gentile Dott. Sciannimanico, Le scrivo per un barboncino di tre anni di 4 kg che che trascorre i mesi estivi in una casa con giardino vicino al mare nel basso lazio (sperlonga/terracina). Il cane utilizza lo scalibor per tutto il periodo. Ho letto che ci sono molti esami da fare per diagnosticare la leishmaniosi ma volevo sapere da lei quali sono gli esami di routine più idonei per stare tranquilli e in quali momenti dell’anno vanno effettuati. Grazie

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signora Andrea, ogni anno e preferibilmente a marzo i cani che vivano in aree a rischio devono fare dei controlli per la ricerca della leishmaniosi. Essi consistono in una elettroforesi e nella IFI (immunofluorescenza) per Leishmania. Nel caso il suo amico risultasse esente da contatto con questo parassita, le consiglio di prendere in considerazione la possibilità di vaccinarlo contro la malattia. SI rivolta alla migliore delle cliniche veterinarie della sua zona per ulteriori consiglia a riguardo.
      Uno dei più bravi colleghi che lavorano vicino a lei è il dottor Massimo Tittozzi di Formia. Lo contatti per eventuali visite e prelievi.
      La saluto cordialmente.


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  92. Andrea

    Grazie della risposta. Il cane si trova nella zona vicino Formia solo nei mesi estivi, mi sa indicare una clinica o un laboratorio a Roma dove fare gli esami? Poi ho letto che sarebbe utile fare gli esami anche in autunno, pensa sia utile per una maggiore tranquilità? grazie

  93. Tatiana

    Gentile Dott. Sciannimanico, oggi la clinica veterinaria mi ha comunicato per telefono che la mia cagnolina ha degli anticorpi per la Leishmania nel suo sangue. Volevo solo sapere se un cane che ha degli anticorpi è per forza malato? La mia cagnolina non presenta alcun sintomo, grazie a Dio. Può essere che magari abbia contratto la malattia e l’ha combattuta da sola con la sua immunità, e gli anticorpi sono rimasti nel sangue? oppure se sono presenti vuol dire per forza che il protozoo è nel circolo? Grazie mille!

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signora Tatiana, avere una reattività alla Leishmania non vuol dire che si sia malati, ma senza conoscere quali esami siano stati eseguiti e quali siano i risultati ottenuti non posso dire di più.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  94. jeanet

    Salve Dottore ho due cani uno é un trovatelo di circa 3 anni che ha stato diagnosticato la lesmaniosi 5 mesi fa adesso esta molto bene dopo un mese de terapia con Milteforan e continua prendere allopurinolo. invece l’altro e un incrocio di pastore tedesco e American stand. di 2 anni, tre mesi fa test lesmania negativa a questo ultimo da 20 giorni fa ha iniziato leccarsi molto le zampe fino a procurarsi le ferite un altro síntoma é prurito sul muso inferiore é molto arrosato ho avvertito un leggero dimagrimento. il vet mi ha detto che è possibile una allergia alimentare. secondo lei dovrei rifare il test della lesmaniosi potrebbe essere alcuni dei sintomi. lui é protetto con scalibor. grazie

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signora Jeanet, le allergie alimentari nel cane e nel gatto sono eventi molto molto rari, anche se troppo spesso erroneamente diagnosticati da molti veterinari. Credo che la soluzione migliore per il suo cane sia quella di essere visitato da dermatologi molto bravi, perchè solo degli specialisti potranno capire di cosa si tratta.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

      1. jeanet

        Grazie Dottore per la risposta.
        Ho rifatto il test della lesmaniosi al mio cane solo per togliermi il dubbio risultato negativo. Nel fra tempo si sono riscontrati più sintomi prurito anche intorno gli occhi. mangia poco ho cambito le corchete per cani allergici. non ne vuole sapere solo mangia cose humIde ma sempre poco. da due giorni ha iniziato a bere poca acqua. solo beve il Iatte. la pipi la fa poca e gialla la caca oscura. quando é a casa è sempre in letargo solo quando lo Porto al parco è molto vivace non si ferma mai. ma il nostro veterinario sempre continua a dirci che é allergia. Sto considerando portarlo ad un altro veterinario per un altro parere. grazie dottore. ma questi altri sintomi potrebbe trattarsi di qualcosa più grave

  95. Deborah

    Salve, abbiamo scoperto da pochi giorni che il nostro pastore tedesco è positivo alla leishmaniosi con grave insufficienza renale (azotemia 140 e creatinina 1,81 ) abbiamo iniziato la cura con milteforan e allopurinolo…la dottoressa ci ha parlato di casi simili che sono andati a finire male…e non viceversa…è davvero così? Non abbiamo alcuna speranza?

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signora Deborah poichè, sebbene i valori siano alti ma non altissimi, questa è una patologia importante che andrebbe seguita da un punto di vista medico “esclusivamente” da personale medico esperto e competente, non mi preoccuperei da subito. Inoltre, mancandomi così tanti elementi per potermi esprimere in modo corretto ed esaustivo (risultati dell’IFI Leishmania e della elettroforesi eseguite per conseguire la diagnosi, risultati dell’esame delle urine per comprendere lo stato della insufficienza renale in corso, eventuale risultato del puntato linfonodale e/o midollare eseguito), il mio consiglio è quello di rivolgersi alla migliore delle cliniche veterinarie della sua città e di non fermarsi al “veterinario sotto casa” perchè, nonostante di pazienti con leishamniosi che vivono a lungo ve ne siano una infinità, la malattia è subldola, va monitorata con precisione e può risultare anche mortale nei casi avanzati.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  96. Giulia

    Gentile dottore, le scrivo da Roma. Siamo disperati, la mia cagnetta Nana di appena 3 anni ha contratto la leismaniosi. Lo abbiamo scoperto lo scorso dicembre e da quel momento e cominciato un vero e proprio calvario. Tutti iniziò con delle crosticine sulla pelle e diradamento del pelo, a gennaio comincio ad avere delle copiose emorragie dal naso, siamo arrivati a doverla sottoporre anche a delle trasfusioni. Iniziammo la cura con il glucantim e sembro andare meglio ma ebbe un altro calo e dovremmo cambiare terapie. Iniziammo con il miltefloran, ormai da tre mesi ma i valori della leismania non sono scesi. Da circa una settimana è ricoverata in una clinica veterinaria a Roma l, soffre di inappetenza e sembra si stia completamente lasciando andare. Aspettiamo il risultato delle ultime analisi per vedere se è possibile fare un ultimo tentativo somministrando del cortisone altrimenti, da quello che vi hanno detto i medici, dovremo provvedere a prendere una decisione drastica. Io non riesco a rassegnarmi, ho letto di tanti cani che nonostante si sono trovati nella stessa condizione sono poi riusciti a riprendersi. Volevo sapere se può darmi un parere, mi sono informata su un farmaco molto costoso “impavido” contro la leismania, che è stato approvato in Germania e costa veramente tanto. Ma se dovesse servire darei disposta anche a procurarmelo.
    La ringrazio infinitamente per qualunque consiglio. Posso farle avere anche il risultato delle analisi in privato appena le avrò a disposizione.
    Grazie in anticipo per il suo aiuto.
    Giulia

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signora Giulia, mi dispiace molto per quanto mi racconta…purtroppo è una patologia sempre più frequente. Non sapendo nulla dei valori riscontrati sul suo cane, degli esami eseguiti per conseguire la diagnosi e dei dettagli terapeutici, non posso dire nulla di predittivo sul proseguo della malattia e sulla possibile efficacia delle terapie. Non so a quale farmaco lei faccia riferimento, ma so per certo che solo se ricoverati presso strutture attrezzate e con medici davvero competenti i pazienti malati (di qualsiasi patologia) possono avere delle chanche di guarire. Infatti, mi duole dirlo, far curare il proprio animale dal personale medico sbagliato può voler significare un fallimento.
      A Roma non posso che suggerirle di rivolgersi presso la migliore delle struture veterinarie italiane, ovvero la clinica Roma Sud dove, se ci saranno possibilità di salvare la sua Nana, li le troveranno.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  97. monica

    Buongiorno ho cane con leshmania scoperta 3 anni fa. Fatto milteforan e da allora prende allopurinolo 100 4cp al gg e mangia solo Renal. I sontomi sono regrediti ma da un paio di mesi sono ricresciute le unghie e soprattutto ha sempre fame e non ingrassa per nulla e’ visibilmente magrissimo con costole a vista. La terapia con solo allopurinolo sara sufficiente? Le unghie lunghe e la magrezza non saranno sintomo di riacutixzazione della malattia. Per il resto sembra stia bene e’ attivo, tira al guinzaglio ecc. Ci sono inyegratori per farlo ingrassare senza pesare sui reni. Ah. Fa ciclo anche con Direne compresse. Grazie mille monica

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signora Monica, è sempre difficile (impossibile direi) fare commenti su di una terapia per la Leishmania senza conoscere nel dettaglio:
      1) sintomatologia pre-terapia
      2) metodi usati per la diagnosi
      3) valori dei singoli esami eseguiti
      4) funzionalità renale (sangue ed urine)
      5) risposta alla terapia

      Come vede, molte sono le variabili che devono influire sulla risposta ad una domanda come quella che lei mi ha posto.
      L’onicogrifosi, ovvero l’allungamento delle unghie dei pazienti affetti da leishmaniosi, è un parametro abbastanza caratteristico, ma non può eseere un parametro di valutazione delle condizioni del paziente. Solo la funzionalità renale, oltre che le condizioni generali del paziente, possono rappresentare un indice dello stato della malattia e vanno rigorosamente confrontate con gli esami precedenti, perchè questa temibile malattia richiede un controllo continuato e sistematico dei parametri dei pazienti, per conoscere il trend della malattia.
      Integratori potrà darne quanti ne vuole, ma non saranno loro a fare la differenza.
      Come scrivo spesso su questo blog, la Leishmania è un parassita molto pericoloso, che può condurre a morte gli animali affetti, ma la scelta di medici veterinari competenti ed aggiornati può fare, molto spesso, la differenza fra un paziente curato al meglio possibile per la “sua” malattia ed un paziente non curato al meglio per la “sua” malattia (tutti i malati di leishmaniosi sono colpiti dallo stesso parassita, ma ognuno di essi presenta una malattia diversa dagli altri malati, sulla quale “costruire” al meglio la risposta terapeutica).
      Dunque, cerchi di rivolgersi alla migliore delle cliniche veterinarie della sua città, per ottenere il migliore dei piani terapeutici per il suo amato amico.
      Saluti cordiali.


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signor Andrea, vuol dire semplicemente che il suo cane non ha la leishmaniosi.
      Saluti cordiali


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  98. Giovanni

    Salve, a causa di una ferita che tarda a rimarginarsi e seguendo i consigli del mio veterinario, abbiamo fatto gli esami per la leishmaniosi più elettroforesi.

    Metodica: Elisa
    Risultato: Basso Positivo 1,20
    —————
    Albumina 48.9% (40.0-53)
    Alpha1 1.8% (2.5-4.5)
    Alpha2 10.8% (9.0-17.3)
    Beta1 9.7% (11.0-16.0)
    Beta2 16.1% (10.0-12.0)
    Gamma 12.7% (7.5-14.5)

    Il veterinario mi ha detto che è solo stato a contatto con la malattia ma non è infetto e mi ha dato da dare al cane mezza pillola di allopurinolo per 2 mesi. Posso DAVVERO stare tranquillo?

    Io mi fido del mio veterinario. Però un secondo parere è sempre bene accetto. Grazie.

    1. Massimo Sciannimanico

      Concordo con il suo medico. Il suo cane non è infetto, ma necessiteranno degli ulteriori controlli per esserne certi. A marzo faccia ripetere una elettroforesi ed una IFI (immunofluorescenza) per Leishmania.
      Cordiali saluti


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

  99. Carmine

    Ho le idee un po’ confuse!! Topino (il mio amatissimo cane) ha la leishmaniosi!! Le idee confuse riguardano il fatto che non so se farò in tempo a curare il mio cane! L’altro ieri (dopo evidente perdita di peso e altre caratteristiche conforme alla malattia) decido di portare topino dal Vet. Risultato…positivo al test. Domani dovrò ripirtarlo sempre dal Vet. per stabilire la salute di fegato e reni e in base a questi esami, capire quale terapia intraprendere. Al primo controllo il Vet. ha solo prescritto l’Allopurinolo, in attesa degli altri esami. Sono quasi due giorni (comunque) che topino non mangia! Appetito praticamente assente! Mi chiedo se anche questo medicinale abbia influenza sulla perdita di appetito (o è sempre e solo colpa della leishmaniosi). Al dubbio si associa il cattivo pensiero che se topo dovrà intraprendere una cura specifica (che sia glucantime o altro), come potrà sopportare gli effetti collaterali degli stessi medicinali se non mangia affatto? Il mio topo ha più di 10 anni quindi non so quanto può incidere un eventuale recupero sullo stato di salute. Vederlo “assente” è una cosa straziante…lui che saltava come una gazzella a cercar di prendere lucertole nell’erba!! Ora non ha forza…non cammina; se ne sta sdraiato per la maggior parte della giornata; fa difficoltà a scendere alcuni gradini di casa (giusto per fare i bisogni). Oggi proverò a sbriciolargli un po’ di prosciutto nei croccantini (il KD consigliato dal Vet.) al solo scopo di stimolare l’appetito. Altrimenti mi chiedo come potrà affrontare la cura senza introdurre qualcosa! Non so se qualcuno ha vissuto o sta vivendo la mia stessa situazione…se fosse,ti sarei grato se mi dicessi “in effetti” come stanno le cose!! Se c’è qualche possibilità di recupero (non di guarigione perché so che non se ne guarisce affatto)! I tempi di recupero! O peggio ancora se c’è poca cosa da fare! Mi sento frustantemente in colpa…avrei dovuto accorgermene anzitempo..quando topino dava i primi segni: eccessivo perduta di pelo, unghie sempre lunghe, zoppichio improvviso,dimagrimento,ecc. A giugno mi ero accorto che qualcosa non andava ma da allora sono passati quasi quattro mesi…e in questo lasso di tempo il mio cane è decisamente peggiorato. Farei di tutto per vedere di nuovo Topino stare meglio…solo questo…stare meglio!! A grazie davvero di cuore a chi vorrà darmi qualche consiglio!!!

    1. Massimo Sciannimanico

      Gentile signor Carmine, la leishmaniosi è una bruttissima malattia e, purtroppo, spesso è mortale. Però non si deve MAI rinunciare a curare un cane e le medicine che lei ha nominato sono quelle che si usano per trattare questa patologia. Importante è il ruolo del medico veterinario, che deve sostenere con un attento ricovero i pazienti, soprattutto nelle fasi iniziali (le cure a casa, in particolare quando i cani non si alimentano) sono inaccettabili. Poi, fondamentale, sono gli esami del sangue che devono essere fatti in modo seriale, per controllare attentamente la funzionalità renale.
      Il mio consiglio è di rivolgerse ESCLUSIVAMENTE a personale medico molto preparato.
      In bocca al lupo…


      Massimo Sciannimanico, DMV
      Clinica Veterinaria Dannunziana di Pescara
      Centro Medico-Chirurgico d’Abruzzo

Lascia un commento